Dichiarazione dei redditi, si possono scaricare le mascherine?



Dichiarazione dei redditi




In questo periodo caratterizzato dall’emergenza Coronavirus, in tanti si sono adoperati per munirsi di dispositivi di protezione individuale come mascherine e guanti in lattice. Spesso, il costo delle mascherine può essere anche piuttosto elevato e quindi in molti si chiedono se le spese sostenute per l’acquisto di queste si possano scaricare dalla dichiarazione dei redditi.

La dichiarazione dei redditi e le mascherine

La risposta a questa domanda dovrebbe essere affermativa poiché quella della mascherine dovrebbe rientrare a tutti gli effetti in una spesa di dispositivi medici per la quale è prevista una detrazione IRPEF del 19% (tale detrazione è prevista anche per l’acquisto di farmaci).

Per i dispositivi medici (e quindi anche per le mascherine) non dovrebbe essere necessario il pagamento tracciabile, potendo essere acquistati anche pagando in contanti. Tuttavia, è importante che la farmacia o la parafarmacia emetta lo scontrino fiscale con l’indicazione del codice fiscale di chi acquista il prodotto così che, in sede di presentazione di dichiarazione dei redditi, il contribuente lo possa presentare assieme a tutti gli altri relativi alle altre spese mediche.

Pertanto, all’atto di pagamento, l’acquirente dovrà presentare la tessera sanitaria sul quale sia riportato il codice fiscale del contribuente che intenda richiedere la detrazione. Infatti, non possono essere considerati validi gli scontrini fiscali che riportino solo l’indicazione “dispositivo medico”, ma è necessario che venga emesso uno scontrino parlante.




La detrazione fiscale

Dal momento che in molti acquistano le mascherine anche online, il consiglio, per poter beneficiare della detrazione, è quello di farsi emettere dal venditore la fattura riportante il codice fiscale dell’acquirente. L’unica raccomandazione per l’acquirente è che la mascherina venga classificata come medicinale o dispositivo medico.

Va detto, infine, che per i dispositivi medici è richiesta la marcatura CE apposta dal fabbricante in base alle direttive europee: alcune farmacie appongono sullo scontrino questo marchio dando automaticamente diritto alla detrazione; tuttavia, se la farmacia non ha provveduto, insieme allo scontrino è consigliabile conservare anche la scatola/confezione del prodotto che riporti tale marchio


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.