Detrazione spese animale domestico è possibile?  



Detrazione




Moltissimi italiani hanno in casa un animale domestico a cui donano amore e cure. Controlli di routine dal veterinario, vaccini, alimenti pensati per loro, farmaci per particolari esigenze: queste sono alcune delle spese che periodicamente devono sostenere coloro che hanno un animale domestico. Stando all’art. 15, comma 1, lett. c-bis del TUIR, è possibile beneficiare di una detrazione del 19% delle spese veterinarie sulla dichiarazione dei redditi. Per le spese di assicurazione sugli animali purtroppo non sono detraibili.

Le detrazione sulle spese

In particolare, sono detraibili tutte le spese mediche sostenute per la cura di animali legalmente detenuti, limitatamente alla parte che eccede la franchigia di 129,11 euro e fino ad un massimo di 500 euro (questo tetto è una novità del 2020 dato che nel 2019 il tetto massimo era di 387,40 euro). Questo, di fatto, permette al contribuente di ottenere un credito fino a 70,46 euro invece dei 49,02 euro previsti nel 2019.

Per animali detenuti legalmente si intendono quelli detenuti a scopo di compagnia o per pratica sportiva. Non sono considerati “detenuti legalmente” quelli:

  • detenuti per scopi di sfruttamento, allevamento, riproduzione o consumo alimentare (come le galline);
  • detenuti nell’esercizio di attività commerciali o agricole;
  • detenuti illegalmente o per attività illecite.

Si può dimostrare il legale possesso di un animale

Si può dimostrare il legale possesso di un animale domestico mediante la documentazione rilasciata dalla ASL o dal medico veterinario al momento dell’iscrizione all’apposita anagrafe o tramite il pet passport europeo. Quanto alle spese detraibili si intendono quelle sostenute per visite veterinarie, per interventi o analisi di laboratorio o per farmaci veterinari. Sono escluse le spese che si riferiscono a farmaci senza prescrizione del veterinario, mangimi e antiparassitari.




Affinché si possa beneficiare della detrazione, è necessario che le spese siano dimostrabili tramiti strumenti tracciabili. Al commercialista o al CAF che compileranno la dichiarazione dei redditi, bisognerà presentare gli scontrini parlanti (che recano il codice fiscale del dichiarante) e le fatture rilasciate dal medico veterinario.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.