Bonus tv 2021, ci sono aiuti?



Bonus




Entro il 2022 avverrà la transizione definitiva al nuovo digitale terrestre, cioè allo standard DVB-T2 (Digital Video Broadcasting Second Generation Terrestrial) e soltanto i televisori che saranno compatibili o che saranno dotati di decoder di nuova generazione, riusciranno a trasmettere i programmi TV.

Quali TV sono compatibili

In linea di massima tutti coloro che hanno acquistato un televisore dopo il primo gennaio 2017 non dovrebbero avere problemi di compatibilità; tutti quelli che invece lo hanno acquistato in data antecedente, dovranno o munirsi di un nuovo televisore o di un decoder compatibile con il nuovo digitale terrestre.

Per capire se sia necessario dotarsi di un nuovo decoder o sostituire il proprio televisore, si può effettuare la verifica in questo modo: sintonizzarsi sul canale 100 (canale test della Rai) o 200 (canale test della Mediaset).

Qualora compaia la schermata con la scritta “Test HEVC Main10”, vuol dire che il proprio televisore è compatibile con il nuovo digitale terrestre.




In caso contrario, sarà necessario provvedere sostituendo il televisore o acquistando un nuovo decoder. Il nuovo decoder ha un costo medio di 30 euro ma esistono anche modelli più costosi (e performanti) che arrivano a costare anche oltre 200 euro.

Un televisore, ovviamente, ha un costo più elevato.

Ad ogni modo, per chi ha necessità di sostituire il televisore o acquistare un nuovo decoder, il Governo ha pensato a degli aiuti cioè al Bonus TV che consiste in un contribuito massimo di 50 euro sull’acquisto di un televisore o di un decoder.

Il Bonus TV può essere richiesto dalle famiglie con ISEE inferiore a 20 mila euro annui.

Il contributo va richiesto al momento dell’acquisto del dispositivo consegnando al negoziante un modulo (ecco un fac simile: https://www.mise.gov.it/images/stories/images/Richiesta_Bonus_TV.pdf) a cui allegare:

  • una copia del documento d’identità e del codice fiscale del richiedente;
  • un’autocertificazione in cui si dichiara di essere residente in Italia, che nessun familiare abbia già richiesto l’aiuto e si attesta di essere in regola con i requisiti ISEE.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.