Rinegoziazione mutuo e surroga, che cosa sono nello specifico  



Rinegoziazione




Si sente spesso parlare di rinegoziazione del mutuo o di surroga del mutuo: sono due istituti che per certi versi potrebbero sembrare simili, ma che in realtà non lo sono.

Migliorare le condizione del mutuo

Simili perché hanno entrambi l’obiettivo di migliorare le condizioni del proprio mutuo, diversi perché la surroga del mutuo coinvolge due istituti bancari (la banca in cui si è stipulato originariamente il contratto di mutuo e la banca di destinazione) mentre la rinegoziazione del mutuo coinvolge soltanto la banca in cui si è stipulato originariamente il contratto di mutuo.

Per rinegoziazione del mutuo si intende, infatti, la possibilità di chiedere alla propria banca di modificare alcune delle condizioni contrattuali presenti nel contratto originario di mutuo.

Si può chiedere di rinegoziare:




  • il tasso di interesse
  • la durata del mutuo
  • il parametro di indicizzazione del mutuo
  • lo spread

La rinegoziazione del mutuo non comporta alcun costo per il cliente (né spese notarili né costi amministrativi o commissioni bancarie): si richiederà semplicemente la modifica delle condizioni del contratto, senza stipulare un nuovo accordo.

È sufficiente il consenso tra le parti

È sufficiente il consenso tra le parti e non è necessario rivolgersi ad un notaio.

La surroga del mutuo, invece, introdotta a partire dal Decreto Bersani e dalla Legge n.40/2007, implica la possibilità per il cliente di trasferire il mutuo da una banca ad un’altra che pratica delle condizioni contrattuali più vantaggiose.

Anche la surroga del mutuo è quasi completamente gratuita: infatti la banca erogante non può addebitare al cliente nessuna spesa per commissioni, istruttoria o accertamenti catastali, essendo invece obbligata ad agevolare il trasferimento del mutuo.

È previsto solo il pagamento di 35 euro per la tassa ipotecaria.

Ovviamente nel caso di surroga, sarà necessario sottoscrivere un nuovo contratto con la banca scelta, presentando:

  • documento d’identità
  • codice fiscale
  • stato di famiglia
  • documentazione che attesti la condizione reddituale del futuro cliente


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.