Cosa fare quando arriva una cartella esattoriale



Cartella




Una cartella esattoriale è un atto di intimazione al pagamento che riceve chi non ha pagato allo Stato, alle altre Pubbliche amministrazioni o agli enti locali le somme ad essi dovute.

Quando arriva a casa, la prima cosa da fare è non farsi prendere dal panico ma leggere attentamente il suo contenuto:

  • la somma dovuta
  • le istruzioni sulle modalità di pagamento, di rateizzazione e di ricorso
  • l’indicazione del responsabile dell’invio della cartella

Secondo la legge, la cartella esattoriale va pagata entro 60 giorni; in caso contrario, oltre all’importo riportato sulla cartella, il contribuente dovrà pagare anche gli interessi.

La riscossione coattiva

L’agente di riscossione poi può procedere con la riscossione coattiva su tutti i beni del creditore tramite il fermo amministrativo di beni mobili registrati oppure il pignoramento dei beni.




Quindi la cosa essenziale è quella di effettuare il pagamento entro 60 giorni: nella cartella è contenuto uno o più bollettini di versamento precompilati per farlo.

Il pagamento può essere effettuato in diversi modi:

  • sul sito dell’Agenzia delle Entrate – Riscossione
  • alle poste e in banca
  • tramite home banking del proprio istituto di credito o di Poste italiane
  • agli sportelli bancari e postali abilitati
  • presso alcune tabaccherie convenzionate con banca ITB, Sisal e Lottomatica
  • agli sportelli dell’Agente della riscossione che li ha emessi

È possibile anche rateizzare il pagamento della cartella se si è impossibilitati a farlo in un’unica soluzione.

Nel caso in cui il contribuente è convinto di non essere tenuto al pagamento della cartella esattoriale ricevuta può, entro 30 giorni dalla notifica, fare ricorso al Giudice di pace per vizi di notifica della cartella.

Inoltre, se la cartella si riceve dopo 5 anni dalla data di ricevimento dei verbali di contravvenzione, cade in prescrizione.

Facendo ricorso al Giudice, questi non potrà fare altro che confermare la prescrizione, accogliere il ricorso e annullare la cartella di pagamento.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.