Fido bancario, si pagano gli interessi?



Fido




Per ottenere un po’ di liquidità sia le persone fisiche che giuridiche (aziende) possono richiedere un fido bancario, una specie di “prestito” che però si differenzia da quest’ultimo perché la somma non viene concessa tutta nello stesso momento ma viene resa disponibile per sfruttarla interamente o parzialmente quando se ne ha bisogno. Tutte le banche oggi prevedono uno scoperto bancario, ovviamente a chi ha i giusti requisiti.

La domanda sorge allora spontanea: sulla somma concessa con il fido bancario si pagano gli interessi?

Sì, bisogna pagare gli interessi ma solo sulla somma utilizzata.

Gli interessi saranno dovuti in base al contratto firmato e alle sue clausole.

Il decreto legislativo n. 385 del 1993 (il cosiddetto testo unico bancario) con riguardo agli interessi passivi da fido bancario, stabilisce che:




  • gli interessi prodotti dalla somma utilizzata non possono generare altri interessi, dunque è vietato il cosiddetto anatocismo. L’unica eccezione vale per i cosiddetti interessi di mora;
  • gli interessi in esame sono conteggiati al cliente solo al 31 dicembre di ogni anno e non prima.

Inoltre, gli interessi passivi da fido bancario non saranno addebitati al cliente prima del primo marzo dell’anno successivo; quindi si avranno a disposizione due mesi di tempo per pagarli o per vederseli addebitare sul conto.

Gennaio e febbraio saranno quindi i mesi in cui il cliente che ha richiesto il fido bancario può procedere al pagamento, evitando l’addebito. È conveniente pagare gli interessi proprio in questi primi due mesi dell’anno per evitare che producano, tramite l’addebito, altri interessi.

La banca solitamente fa scegliere al cliente

La banca solitamente fa scegliere al cliente, sottoscrivendo apposita clausola, di vedersi addebitare sul conto gli interessi e di fatto questi, diventando parte del saldo passivo del conto, finirebbero per produrre, inevitabilmente, altri interessi.

Per evitare questa produzione di ulteriori interessi, il cliente può in qualsiasi momento revocare l’autorizzazione all’addebito degli interessi passivi sul conto ma decidere di pagarli in un altro modo (ad esempio tramite bonifico).



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.