Le crypto cards: le carte più popolari per il 2022



crypto




Le carte di debito e le crypto: tutto quello che devi sapere

Le criptovalute stanno diventando una moneta digitale sempre più popolare, non solo tra gli investitori più all’avanguardia ma anche per le persone più comuni, che fino a poco tempo fa ritenevano impensabile iniziare ad investire nelle crypto. Comprare Ethereum è ormai oggi un’operazione molto frequente, anche grazie al costo sicuramente più accessibile di questa valuta rispetto ad altre corrispondenti.

Una modalità di utilizzo del denaro che ormai da decenni ha sostituito in buona parte il contante è quello delle carte di debito o credito, quindi le carte bancarie in generale. Facciamo quindi riferimento a quelle piccole tesserine che di regola sono collegare un conto bancario. Anche gli e-wallet il più volte danno la possibilità di trasferire denaro tramite carte di debito.

Anche da questo punto di vista è emersa una grande novità nel giro di poco tempo, ovvero il collegamento tra le criptovalute e le carte bancarie: dalle due entità è nato infatti un ibrido, ovvero le crypto cards. Di cosa si tratta e quali sono i vantaggi? Cechiamo di capirlo meglio.




Come funzionano le crypto cards

Le crypto cards sono un sistema molto pratico di effettuare tutte quelle operazioni che puoi compiere direttamente dal tuo wallet. A esempio puoi investire in criptovaluta, scambiare un asset con un altro e anche effettuare operazioni finanziarie più sofisticate. Se sei un trader un po’ più esperto, puoi tenere d’occhio il valore Ethereum e decidere di acquistare quando pensi che sia il momento giusto: ti sarà sufficiente quindi inserire i dai della tua carta per investire in cryptovalute per vedere in pochi istanti il tuo saldo della carta modificato grazie al nuovo asset acquistato.

Quello che però è molto interessante per l’utente è sapere che le migliori crypto cards funzionano anche come strumento di conversione per i tuoi acquisti fisici. Se rinunciare a “strisciare la carta” quando effettui un acquisto in negozio è qualcosa a cui non puoi rinunciare, non c’è problema: con queste nuove carte puoi utilizzare i tuoi fondi in criptovaluta come e quando vuoi. Ovviamente, dovrai solo verificare che il circuito della tua crytpo cards sia accettato nel negozio fisico (ma anche online) in cui effettui l’operazione.

Le commissioni e le ricompense delle crypto cards

Una delle prime domande che il consumatore si pone è quella relativa alle commissioni che occorre pagare quando si tratta di crypto cards. In linea generale, le commissioni variano da operatore a operatore ed è importante controllare prima di stipulare il contratto, in quanto i costi possono variare anche di molto. In particolare, è importante verificare sia le commissioni per l’accredito di criptovaluta o valuta fiat, sia quando si effettuano acquisti. Inoltre, occorre controllare qual è il tasso di conversione applicato, nel caso di passaggio da una criptovaluta a una valuta come l’euro, se intendi utilizzare la carta per gli acquisti fisici. Infine ,ci sono le commissioni di sottoscrizione ed eventuali abbonamenti annuali, oltre ai costi previsti in circostanze d’eccezione, come lo smarrimento della carta e la richiesta di invio di un nuova.

Per quanto riguarda invece le ricompense, queste possono essere molto interessanti: diciamo che rappresentano il lato che differenzia le carte bancarie tradizionali dalle crypto cards. Queste ultime possono infatti prevedere un piano di ricompense man mano che si utilizza la carta per effettuare acquisti, tra cui acquistare Ethereum. Le ricompense possono essere accreditate in diversi modi, a volte è lo stesso utente che può scegliere, mentre in altri casi è predisposto un piano programmato. Ad esempio, possono essere accreditate delle commissioni in crypto o può essere accumulato un credito sulle commissioni di transazione che verranno pagate in futuro.

Crypto card: carta di debito o credito?

Una distinzione della finanza tradizionale che opera anche nella finanza decentralizzata è quella tra carta di debito e credito. Anche in questo caso, possiamo ritrovare le differenze fondamentali tra le due, con una precisazione sulle crypto cards simili alle carte di credito. Anche in questo caso c’è un fondo oltre il quale si attiva il credito della società, ma attenzione a quanto può costare questo credito. Molto spesso infatti viene equiparato a una sorta di margine, che presenta dei tassi di interesse strutturati a livelli: maggiore è il debito accumulato, e più alto sarà il tasso di interesse.

La carta di debito può essere in qualche modo limitate, soprattutto se vuoi utilizzarla sia per le tue spese quotidiane che per i tuoi investimenti in criptovaluta. Ovviamente, prima ancora di decidere se optare per una carta di debito o una di credito quando scegli delle crypto cards, è il livello di sicurezza della carta a dover essere l’elemento che seleziona la scelta principale. Procedura di verifica dell’identità del cliente, autenticazione a due fattori, criptazione dei dati sono gli elementi base che solo le migliori crypto cards possono garantire.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.