Italiani e assicurazioni, piace sempre più l’on line



Italiani e assicurazioni, piace sempre più l'on line




Cresce il numero di italiani che sceglie l’on line per richiedere preventivi assicurativi. è quanto emerge dalle ultime rilevazioni di Nielsen, nel suo Insurence Report relativo al secondo trimestre 2017.

Preventivi di assicurazioni on line, un fenomeno in crescita

A giugno 2017, secondo quanto rilevato dall’indagine Insurence Report di Nielsen, gli italiani che nel secondo trimestre dell’anno hanno effettuato una richiesta di preventivo attraverso canali web sono stati ben 1,9 milioni. Il web diventa per le compagnie assicurative uno strumento sempre più rilevante, ecco perché tutti i portali delle compagnie, come www.unipolsai.it, si sono dotati di strumenti adatti per effettuare un preventivo sul calcolo dell’assicurazione auto e non solo. Diventa, quindi, fondamentale per gli operatori del settore puntare su internet, lo strumento perfetto per intercettare gli oltre 9 milioni di prospect interessati a soddisfare bisogni di tutela del proprio tenore di vita e di quello della propria famiglia.

Dati in crescita

Lo studio rileva che si tratta di una crescita a due cifre per gli italiani che, tra aprile e giugno, hanno effettuato l’accesso ai siti delle compagnie e alle sezioni degli aggregatori dedicate a polizze. Sono stati ben 4,8 milioni, in aumento del 15 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (secondo l’apposita elaborazione su dati PC e Mobile dei panel meterizzati Nielsen). Un dato interessante e importante, soprattutto se si tiene conto che l’anno scorso è stato caratterizzato dal segno meno per il settore.




Il commento dell’esperto

Internet, quindi, diventa lo strumento capace di fare la differenza per la competitività delle compagnie assicurative. “In un contesto competitivo sempre più articolato e complesso – dice Lorenzo FacchinottiAnalytics Consultant Manager – Marketing Effectiveness di Nielsen -, la capacità delle compagnie assicurative di intercettare la domanda passa attraverso la creazione di strategie che utilizzino internet per valorizzare l’offerta, permettendo ai clienti di proseguire il percorso di acquisto in un’ottica multicanale, secondo le proprie attitudini”.

Perché gli italiani scelgono il web per le assicurazioni

A spingere gli italiani verso le piattaforme web, allontanandoli da continui contatti con le filiali delle compagnie assicurative, è prima di tutto la convenienza economica, soprattutto quando si fa riferimento al rinnovo delle polizze auto e moto. Il 40 per cento degli italiani che hanno consultato un sito internet per questioni assicurative, infatti, lo ha fatto per richiedere un preventivo e/o per cercare informazioni su dove trovare l’agenzia più vicina alla propria abitazione o posto di lavoro.

I dati nel dettaglio

Scorporando i dati è possibile far emergere un quadro molto più chiaro e dettagliato delle abitudini degli italiani nel rapporto web-assicurazioni. Infatti, ne emerge che il 27 per cento del totale ha visitato le pagine dedicate ai preventivi dei diversi servizi assicurativi su siti di compagnie dirette, il 17 per cento su quelli di comparatori e solo il 6 per cento su quelli di compagnie tradizionali. Anche se ancora limitato, è destinato a crescere l’interesse degli italiani per i servizi relativi a contenuti informativi su tutela del tenore di vita individuale e della famiglia. Ben 6 milioni di italiani, ne prossimi sei mesi, hanno dichiarato di avere bisogno di tutelare la propria abitazione, se stessi e i propri cari (è quanto emerge da un altro studio Nielsen su 1.500 individui rappresentativi della popolazione on line). Un dato destinato a toccare quota 9 milioni se comprensivo di soggetti interessati a investire i propri risparmi per il futuro e/o a integrare la propria pensione. Il feeling degli italiani con il web, poi, cresce anche grazie alle app. Nel periodo preso in considerazione, infatti, sono circa 500 mila le persone che hanno usato questo strumento per accedere alle proprie coperture assicurative e/o gestire i sinistri.

Potrebbe interessarti:

http://economia.iltabloid.it/2017/10/19/polizze-vita-cosa.html



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*