Risparmiometro, il nuovo strumento dell’Agenzia delle Entrate per controllare i conti in banca



Risparmiometro, il nuovo strumento dell'Agenzia delle Entrate




Lo strumento che affiancherà l’ormai celebre redditometro sarà il risparmiometro, il nuovo strumento dell’agenzia delle entrate e che verificherà e controllerà se i risparmi che ci sono sul conto corrente sono in linea con i guadagni. In pratica è una sorta di strumento che verificherà la compatibilità con il reddito denunciato, uno strumento che servirà in primis a combattere l’evasione fiscale.
La cosa importante sarà capire se questo nuovo strumento dell’agenzia delle entrate riuscirà ed identificare dove ci saranno le “falle” per evitare falsi positivi e cosa più importante evitare che i contribuenti si debbano giustificare e difendersi da accuse infondate.

Risparmiometro, come funziona lo strumento

Partiamo da un presupposto importante la tracciabilità del denaro, ovviamente se si lavora in un azienda che paga gli stipendi con accredito bancario,  a fine anno ci saranno almeno 14 mensilità come previsto dalla legge. Il risparmiometro controllerà se sul conto corrente ci siano oltre che accrediti anche addebiti in modo da dimostrare che il contribuente che percepisce quella somma di denaro  la utilizza per il sostentamento suo e della famiglia. Ovviamente se su quel conto corrente non si saranno uscite è ovvio che scatterà un controllo ed un accertamento fiscale per capire come il contribuente paga le spese.

In un periodo come questo che molti giovani vengono aiutati dalle famiglie potrebbero scattare
diversi falsi positivi, infatti se una nuova famiglia giovane che va avanti con i soldi in contanti dati dai
genitori ad esempio, potrebbero incappare in un controllo da parte dell’agenzia delle entrate che
richiederà di giustificare come la famiglia stessa si mantiene, nel caso che la documentazione prodotta
non dovesse soddisfare i funzionari, potrebbe scattare il vero e proprio accertamento fiscale.

Il risparmiometro chi controllera?

Questo nuovo algoritmo dell’agenzia delle entrate ha come punto di arrivo scoprire l’evasione fiscale,
quindi tutti coloro che sono intestatari di conti correnti, depositi sia di titoli che azionari, buoni
fruttiferi, carte di credito etc saranno soggetti a controllo. Non sono esclusi i piccoli risparmiatori
infatti anche tutti i lavoratori potranno essere controllati per la verifica della corrispondenza tra entrate,
come lo stipendio, e le uscite.
Nel 2018 inizierà la sperimentazione per le persone fisiche e che controllerà il periodo 2013-2014, il
prossimo anno invec enel 2019 si inizerà con le persone giuridhce.






1 Trackback / Pingback

  1. Risparmiometro 2018, l'agenzia delle entrate spierà i nostri conti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.