Nuovo decreto, a chi spettano gli aiuti



Nuovo decreto




Il nuovo Decreto Sostegni bis, approvato in Consiglio dei ministri il 20 maggio 2021, si propone di sostenere tutti i lavoratori che sono stati gravemente colpiti dalla crisi generata dall’epidemia di Coronavirus.

Già il Decreto Sostegni aveva introdotto contributi a fondo perduto per diverse categorie di lavoratori che avessero subìto determinate perdite (e si può ancora presentare richiesta all’Agenzia delle Entrate entro il 28 maggio 2021), ora il Decreto Sostegni bis prevede gli stessi o altri aiuti.

Chi ha già fatto richiesta dei contributi a fondo perduto del Decreto Sostegni, potrà ricevere in maniera automatica i nuovi contributi del Decreto Sostegni bis in un importo pari a quello già erogato (chi ha diritto ad un importo maggiore, dovrà inoltrare una nuova richiesta).

Ma a chi spettano gli aiuti?

A tutti i soggetti titolari di Partita IVA attiva alla data di entrata in vigore del nuovo decreto. Chi si è visto respingere il contributo a fondo perduto del vecchio decreto Sostegni, chi lo ha restituito o lo ha percepito indebitamente, non avrà in automatico la nuova erogazione.




In soldoni, il nuovo contributo varia da un minimo di mille euro a un massimo di 150 mila euro.

La novità è che gli aiuti si basano su un nuovo confronto tra i periodi 1° aprile 2019 – 31 marzo 2020 e 1° aprile 2020- 31 marzo 2021, per determinare il calo del fatturato.

Per accedere agli aiuti previsti dal nuovo decreto, è necessario aver presentato la dichiarazione dei redditi entro la scadenza del 10 settembre.

Inoltre bisognerà presentare domanda all’Agenzia delle Entrate.

Si dovrà avere:

  • una Partita IVA attiva alla data di entrata in vigore del decreto Sostegni bis;
  • ricavi o compensi fino a 10 milioni di euro nell’anno 2019;

un calo dell’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi pari al 30 per cento nel confronto tra i periodi 1° aprile 2019 – 31 marzo 2020 e 1° aprile 2020 – 31 marzo 2021.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.