Tasse scadenze a settembre 2017



Tasse scadenze a settembre 2017




Tasse scadenze a settembre 2017 – Ci si prepara al mese di settembre con una lista lunga di pagamenti e di tasse.
In realtà  il mese di agosto  è stato nettamente più pesante rispetto a settembre, ma la realtà dei fatti è che si continua a pagare.

Tasse scadenze a settembre 2017, il dettaglio

Il 18 settembre ci sarà da pagare:

  • Rottamazione delle cartelle
  • spesometro 2017
  • rata IVA 2016 risultante dalla dichiarazione IVA 2017
  • versamento F24
  • contributi ed imposte dichiarazione dei redditi per i titolari di partita IVA.

Come già accennato il pagamento dello spesometro  con molta probabilità sarà spostato e subirà una proroga al 31 ottobre.
Una proroga che lascerà un po’ di respiro ai commercialisti ma anche a chi deve pagare.




Tasse scadenze a settembre 2017 andiamo ancora più a fondo

La seconda scadenza il 30 settembre, sarà prorogata al 30 ottobre dove si dovranno presentare le dichiarazioni dei redditi dell’anno 2016.

Entro il 30 ottobre 2017 bisognerà presentare anche le dichiarazioni IRAP dell’anno 2016 e si dovrà effettuare il versamento delle imposte e contributi per i non titolari di Partita IVA.

Attenzione alle date:

  • il 15 settembre. per i possessori di partita Iva è l’ultimo giorno per emettere e registrare le fatture differite relative a beni consegnati o spediti nel mese solare precedente.
    Questa data è dedicata ad associazioni senza scopo di lucro e alle Pro Loco;
  • 18 settembre. Tutte le più importanti scadenze fiscali di settembre si trovano qui.
    Versamento delle ritenute alla fonte sui redditi da lavoro dipendente
    il versamento delle ritenute sui contributi, indennità e premi
    versamento INPS dei contributi da lavoro dipendente.
    Attenzione allo spesometro che da questa data sarà prorogato al 31 ottobre lasciandovi un po’ di respiro e tempo per il vostro commercialista.
  • 25 settembre. Pesentazione elenchi riepilogativi cessioni di beni, prestazioni di servizi rese nel mese precedente nei confronti di soggetti UE. Questa scadenza vale solamente per le imprese che fanno affari con altre aziende con sede in uno dei Paesi dell’Unione Europea.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.