Mutui a tasso fisso o mutui a tasso variabile?



Mutui a tasso fisso o mutui a tasso variabile?




Quando si parla di mutui ci si pone una domanda: meglio scegliere un mutuo il cui tasso è fisso oppure occorre far ricadere la propria decisione finale su un tipo di prestito il cui tasso è invece variabile? Sicuramente la cosa da fare prima di iniziare è controllare quale banca offre il miglior mutuo bancario 2018 per quanto riguarda tassi e agevolazioni varie.

Le caratteristiche principali ed i vantaggi dei mutui a tasso fisso

Molto spesso, quando si deve scegliere un mutuo prima casa, si tende a pensare che la soluzione migliore sia rappresentata da quello a tasso fisso.
Ebbene questa è una buona scelta soprattutto se si vogliono limitare al massimo i rischi che riguardano un eventuale aumento dello stesso tasso, che comporterebbe un pagamento superiore rispetto a quello avvenuto durante i tre mesi successivi.
Il tasso fisso è infatti collegato all’Eurirs che riguarda l’Euro Zona, il quale subisce delle variazioni sensibili annualmente. È bene sapere anche se è possibile chiedere un mutuo 100% e se in quel caso che tipo di tasso richiedere.

Ovviamente occorre sottolineare il fatto che per fare in modo che il mutuo migliore sia caratterizzato da un tasso fisso, bisogna valutare quello dell’anno in corso con quello previsto per l’anno successivo.
Questo in quanto il tasso, seppur varierà, non comporterà un aumento o diminuzione dello stesso importo che si deve pagare quindi i tassi mutui migliori con quello fisso devono essere scelti quanto il suddetto raggiunge un punteggio assai basso.
Pertanto questo tipo di scelta è collegata a coloro che in base al loro redditto vogliono avere una spesa che sia costante nel tempo e che non subisca alcun tipo di variazione.

Il tasso variabile per l’acquisto della casa ed i suoi vantaggi

Nella maggior parte dei casi si presuppone che il tasso variabile non rappresenti una buona scelta ma
occorre cercare di mettere in risalto il fatto che, questa particolare tendenza, non è sempre confermata.
Il tasso variabile funziona in modo particolare: questo è agganciato all’Euribor e subisce delle variazioni
che possono avere scadenza in un intervallo di tempo che parte dal mese fino ai tre mesi.




Ciò significa che potrebbero esserci delle variazioni solo ogni tre mesi, rendendo quindi il mutuo per
l’acquisto della prima casa almeno in parte fisso.
Oltre a questo dettaglio occorre sottolineare che le variazioni possono essere negative, ovvero far
scendere il costo degli interessi per buona parte del finanziamento e se questo accade durante il
periodo successivo alla stipula del contratto di mutuo, sarà possibile ottenere un grande risparmio.

Dall’altro lato vi è la possibilità che il mutuo possa aumentare costantemente viste le variazioni positive
dello stesso, comportando quindi un aumento della spesa.
Questo finanziamento è quindi dedicato a tutti coloro che vogliono rischiare per un certo periodo e
provare ad ottenere un risparmio sugli interessi, fiduciosi del fatto che lo stesso valore percentuale non
subisca delle grosse variazioni positive che potrebbero avere delle ripercussioni negative sulla spesa
che si andrà a sostenere.

In entrambi i casi, a seconda della situazione, sarà sempre possibile procedere alla rinegoziazione del
mutuo stesso, passando da un tasso fisso ad uno variabile, seppur tale procedura non può essere
svolta in maniera continuativa e ripetutamente.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.