Finanziamento cattivo pagatore come è possibile richiederlo



Finanziamento cattivo pagatore come è possibile richiederlo




Quando si vuole richiedere un prestito personale o un finanziamento personale è necessario fornire alla banca o alla finanziaria alla quale ci si è rivolti una serie di informazioni fondamentali.

In primis le garanzie, ma senza prima aver dato un’occhiata ai migliori finanziamenti 2018,  in genere basta presentare le ultime buste paga per vedersi riconosciuto un prestito personale o un finanziamento personale. Nel caso in cui non si dovesse essere in grado di fornire tali garanzia ci sono una serie di strade alternative, che rendono ovviamente il percorso più complicato, ma che non per forza escludono la concessione del prestito personale o un finanziamento personale.

Finanziamento, cosa succede se si è cattivi pagatori

Altro aspetto fondamentale è quello di risultare buon pagatore, questo perchè gli istituti di credito e la finanziaria alla quale ci rivolgiamo per ottenere un prestito personale o un finanziamento personale, consultano le banche dati delle centrali rischi per verificare la storia creditizia del cliente.

Se si è stati segnalati al Crif, perché in passato si è mancato il pagamento di alcune rate, è molto probabile che la nostra richiesta verrà rifiutata.




Cattivo pagatore: come ottenere un prestito personale?

Ottenere un prestito personale o un finanziamento personale quando si è cattivo pagatore non è di fatto impossibile. Va da sè che sono necessarie una serie ulteriori di garanzie.

La maniera migliore per vedere accettata la nostra richiesta è quella di presentare alla banca o alla
finanziaria di riferimento le buste paga, magari con un contratto a tempo indeterminato, cosicchè la
banca o la finanziaria possano prelevare quanto dovuto direttamente dallo stipendio.
Il debito, inoltre, deve essere estinto entro la scadenza del contratto di lavoro. In genere anche il Tfr
maturato dal dipendente viene preso in considerazione come garanzia per l’eventuale perdita di lavoro
o altro imprevisto.

Ci sarebbero anche altri tipi di soluzioni come il prestito con delega o doppio quinto, i prestiti
cambializzati o i prestiti con fideiussione, ovviamente per queste soluzioni è necessario rivolgersi
direttamente ai propri istituti di credito.
Il consiglio che sentiamo di darvi, però, è quello di valutare le tante opzioni offerte dal mercato ed
esaminare con attenzione i tassi finanziamento che determinano la variazione di soldi da restituire.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.