Centrale rischi, come essere cancellato



Centrale rischi




La Centrale rischi è un archivio contenente tutte le informazioni circa i debiti che i clienti hanno verso il sistema creditizio. Vengono segnalati solo i crediti al di sopra dei 30.000 euro (gli altri con importi minori non vengono segnalati). Fate quindi attenzione se avete de prestiti superiori a quella cifra e soprattutto a non essere protestati per mancati pagamenti. Sappiate che esiste un modo per essere cancellati dalla Centrale rischi.

E’ uno strumento che serve proprio agli intermediari finanziari per valutare la storia creditizia e finanziaria di un cliente, quando questi chiede un finanziamento.

Infatti, nella Centrale rischi vengono indicate tutte le informazioni relative a:

  • livello di indebitamento complessivo dei propri clienti;
  • tipo di finanziamento ricevuto;
  • regolarità o meno dei pagamenti;
  • chiusura del rapporto di finanziamento;
  • informazioni negative come difficoltà nel restituire il debito.

Dunque, è un ottimo strumento per gli intermediari per gestire il proprio rischio ed essere certi che i clienti a cui concederanno i finanziamenti, saranno in grado di restituire il debito.




Ma come può fare il cliente per richiedere la cancellazione dei propri dati dalla Centrale rischi?

Quando, infatti, c’è un’informazione inesatta, il cliente può rivolgersi direttamente all’intermediario che l’ha segnalato (e non alla Banca d’Italia) per verificare le informazioni trasmesse e correggerle. Per quanto riguarda i dati relativi ai prestiti e i finanziamenti presenti nella Centrale Rischi, questi vengono cancellati automaticamente dopo un determinato tempo di conservazione.

In particolare:

  • le richieste di finanziamento vengono conservate per 6 mesi (1 mese in caso di rifiuto o rinuncia al finanziamento) dalla richiesta;
  • le morosità di due rate (o mesi) poi sanate, vengono conservate per 12 mesi dalla data di regolarizzazione mentre quelle superiori alle 2 rate (o 2 mesi), poi sanate, sono visibili per 24 mesi dalla data di regolarizzazione;
  • le morosità mai sanate restano visibili per 36 mesi dalla scadenza contrattuale o dall’ultimo aggiornamento;
  • tutte le informazioni positive restano visibili per 36 mesi dalla cessazione del rapporto o dalla scadenza del contratto o dal primo aggiornamento del mese successivo a tali date.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.