Centrali rischi, dopo quanto tempo si finisce iscritto?



Centrali rischi




La Centrale dei rischi è un data base che contiene informazioni sui debiti delle famiglie o delle imprese nei confronti del sistema bancario o finanziario. Con questo strumento, gli intermediari finanziari possono sapere quali siano i clienti a cui concedere dei finanziamenti con più facilità (perché hanno un merito di credito) e quali invece siano i “cattivi pagatori” (coloro che non sono riusciti a restituire un debito). Ma è possibile essere cancellati dalla centrale rischi?

Chi è registrato nella centrale rischi?

Nella Centrale Rischi sono registrati i finanziamenti come mutui, prestiti personali, aperture di credito e le garanzie, quando l’importo che il cliente deve restituire supera i 30.000 euro, sia esso persona fisica o azienda. Vengono segnalati anche i clienti dichiarati “in sofferenza” (coloro che hanno avuto problemi più o meno gravi nel restituire il debito) che abbiano richiesto una somma pari o superiore a 30.000 euro.

Se la somma viene poi restituita, l’intermediario non dovrà più segnalare il cliente ma le informazioni su di lui continueranno ad essere presenti in archivio, disponibili per altri intermediari in futuro, con delle limitazioni. Per quanto riguarda i dati relativi ai prestiti e ai finanziamenti presenti nella Centrale Rischi, questi vengono cancellati automaticamente dopo un determinato tempo di conservazione.

In particolare:

  • per le istruttorie, il periodo di conservazione è fino a 6 mesi (o comunque per tutta la durata della tenuta dell’istruttoria del finanziamento);
  • per le restituzioni puntuali, la conservazione è fino ai 36 mesi dalla data di estinzione effettiva;
  • quando si verifichino casi di morosità di 2 rate (o 2 mesi), c’è la conservazione fino ai12 mesi dopo la comunicazione di regolarizzazione;
  • quando la morosità è superiore a 2 rate (o 2 mesi), la conservazione c’è fino ai 24 mesi dopo la comunicazione di regolarizzazione;
  • per i finanziamenti non rimborsati, la conservazione c’è fino ai 36 mesi dopo la data di estinzione prevista o dalla data in cui l’istituto di credito ha fornito l’ultimo aggiornamento.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.