Assegno postdatato: qual è la sanzione prevista



Assegno postdatato




Avete ricevuto o deciso di staccare un assegno postdatato, ma non sapete come funziona nello specifico? Per gli assegni postdatati, infatti, sono previste delle sanzioni. Pur non considerandosi illegale, dal momento che il Decreto Legge 507/99 annulla il Regio Decreto del 21 Dicembre del 1933, andiamo ad analizzare che cos’è questa pratica nello specifico e quali sono le sanzioni che ci aspettano.

Assegno postdatato: che cos’è e come funziona

Staccare un assegno e postdatarlo non è illegale, ma tuttavia incorreremo in una sanzione di tipo economico. Il motivo? Nel momento in cui andremo a ritirare l’assegno postdatato, ammetteremo al contempo di avere evaso la tassa di bollo, che andremo a pagare. La tassa di bollo si calcola sull’importo dell’assegno, e nel prossimo paragrafo vi diciamo specificatamente in che modo.

C’è anche un altro aspetto da considerare, ovvero cercare di capire se l’assegno può essere coperto o meno. Poiché dovremo innanzitutto regolarizzare l’assegno presso l’Agenzia delle Entrate, dobbiamo al contempo sperare che l’assegno non sia scoperto. In quel caso, dovremo procedere per vie notarili.

Sanzioni per l’assegno postdatato: quali sono?

Purtroppo, nel momento in cui vogliamo regolarizzare il nostro assegno postdatato, dobbiamo sapere una cosa. La legge a cui fare riferimento l’articolo 121 della Legge sull’Assegno Bancario, in merito al Regio Decreto 1736/1933. Ciò dice che la regolarizzazione di un assegno postdatato è effettivamente a carico di chi riceve l’assegno e non di chi lo fa.




Dovremo, dunque, andare all’Agenzia delle Entrate e in seguito pagare l’imposta di bollo evasa: quest’ultima ammonta al 12 x 1000 della somma sull’assegno. Infine, pagheremo una sanzione che è il doppio dell’imposta non versata: il 24 x 1000 della somma sull’assegno.

Come abbiamo detto prima, se l’assegno risultasse scoperto, dovremmo procedere con le spese notarili, che prima saranno a carico nostro e in seguito al carico del debitore.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.