IRPEF, cosa succede se non si paga



IRPEF




L’IRPEF, imposta sul reddito delle persone fisiche, è un’imposta che sono tenuti a pagare diversi soggetti, proporzionalmente al reddito prodotto in Italia o all’estero. L’Agenzia delle Entrate, entro l’inizio del periodo di presentazione delle dichiarazioni relative all’anno successivo, procede al controllo della rispondenza con la dichiarazione e i versamenti delle imposte, dei contributi e dei premi dovuti a titolo di acconto e di saldo.

Nel caso di mancato versamento dell’IRPEF

Nel caso di mancato versamento dell’IRPEF, entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione, l’Agenzia delle Entrate Riscossione notifica una cartella esattoriale con lo scopo di recuperare le tasse dovute e non versate. Trascorsi 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale senza che sia avvenuto il pagamento, l’Agenzia delle Entrate Riscossione può procedere ad azioni esecutive o cautelari sui beni del debitore inadempiente.

Per evitare tutto questo, si può procedere al versamento spontaneo di quanto dovuto prima che arrivi una comunicazione dell’Agenzia delle Entrate: si tratta dell’istituto del ravvedimento operoso.

In questo caso, oltre all’importo dell’imposta, il contribuente dovrà pagare gli interessi di mora e la sanzione in misura ridotta. Gli interessi vengono calcolati in base ai giorni di ritardo nel pagamento e sono pari allo 0,5% su base annua.




Come si calcolano le sanzioni

Le sanzioni vengono calcolate in base al tempo che è passato rispetto al termine ultimo del pagamento dell’imposta e sono pari:

  • allo 0,2% dell’IRPEF non pagata, per ogni giorno di ritardo, se si paga entro due settimane dalla scadenza;
  • al 3% se si paga entro 30 giorni dalla scadenza;
  • ad 1/9 della sanzione minima, se si paga entro 90 giorni dalla scadenza;
  • ad 1/8 della sanzione minima, se si paga entro il termine per la presentazione della dichiarazione dell’anno;
  • ad 1/7 della sanzione minima, se si paga entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all’anno successivo.

La sanzione minima in questione è pari a 258 euro.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.