Prestito infruttifero, c’è un limite di trasferimento



Prestito infruttifero




I prestiti infruttiferi sono dei finanziamenti fra privati (amici, parenti o soci) che si caratterizzano per il fatto che sono delle erogazioni occasionali che prevedono la restituzione della sola somma prestata senza che vengano aggiunti interessi o maggiorazioni. Non sono previsti costi di apertura o di gestione del finanziamento e non viene indicata (solitamente) una scadenza per la restituzione della somma prestata.

Quando utilizzare il bonifico bancario

Infatti, la restituzione della somma deve avvenire, per gli importi superiori a 3000 euro, utilizzando il bonifico bancario che è un metodo tracciabile oppure l’assegno non trasferibile.

Per le restituzioni di importo inferiore ai 3000 euro, si possono utilizzare i contanti ma per essere sicuri di ricevere la restituzione e anche per fini di trasparenza con il Fisco (proprio per non contravvenire con le norme antiriciclaggio oppure per evitare che si configuri un prestito usuraio), è comunque consigliabile utilizzare il bonifico bancario in cui  esplicitare la causale con la dicitura  “Prestito infruttifero del […]” riportando la data della scrittura privata in cui sono riportati i termini del finanziamento.

Il bonifico bancario può essere utilizzato quando si tratta di cifre di importo modesto; se invece l’importo è più alto, è necessario recarsi dal notaio e formalizzare con un atto pubblico alla presenza di due testimoni e, successivamente, si potrà eseguire il bonifico indicando come causale “Prestito infruttifero del…”, facendo riferimento alla data della scrittura privata con cui le parti hanno convenuto la restituzione della somma. Ad ogni modo, come prova, è sempre consigliabile utilizzare un atto scritto per prevenire ogni contestazione da parte dell’Agenzia delle Entrate.




Cosa ci deve essere nell’atto

Nell’atto scritto, devono essere contenute tutte le informazioni sulle parti contraenti e sul prestito:

  • nomi delle parti;
  • date di nascita;
  • codici fiscali;
  • eventuale scadenza per la restituzione del prestito;
  • causale del prestito;
  • eventuali penali qualora non si rispettasse la restituzione;
  • firme;
  • data del prestito e dell’atto.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.