Polizza casalinghe, cosa fare in caso di infortunio



Polizza casalinghe




Con la legge 493 del 3 dicembre 1999 è entrata in vigore l’assicurazione obbligatoria Inail per tutti coloro che svolgano attività domestiche.

Si tratta della polizza casalinghe, una polizza che copre da eventuali infortuni che avvengano in ambito domestico (in casa, nelle pertinenze o nelle parti condominiali comuni o, ancora, nelle case in cui il nucleo familiare passi le vacanze, purché nel territorio italiano).

In pratica, con la polizza casalinghe, si ottiene una copertura assicurativa contro gli eventuali infortuni che avvengano durante:

  • il normale svolgimento di attività di cura quotidiane ed usuali;
  • gli interventi di piccola manutenzione;
  • le attività connesse alla cura di animali domestici.

Ma cosa fare in caso di infortunio domestico? 

Dunque, gli infortuni domestici possono essere risarciti grazie all’assicurazione infortuni domestici prevista dall’Inail.




A seguito dell’incidente, in base alla gravità dei danni riportati, è necessario rivolgersi ad un ospedale oppure ad un medico di famiglia affinché vengano prestate le cure previste dal Servizio sanitario nazionale. In entrambi i casi, l’infortunato o chi l’accompagna dovrà specificare che si sia trattato di un infortunio domestico.

Si avrà diritto alle prestazioni Inail se l’inabilità permanente riconosciuta a seguito dell’incidente domestico è pari o superiore al 16%. In questo caso, l’assicurato può fare opportuna richiesta di rendita vitalizia indicando data, luogo e causa dell’incidente.

Verranno riconosciute delle prestazioni Inail anche nel caso in cui, a seguito dell’infortunio domestico, si sia verificato il decesso dell’assicurato.

In caso di decesso, i superstiti avente diritto, potranno richiedere la liquidazione della rendita vitalizia maturata dall’assicurato, indicando la data e la causa del decesso.

Potranno ottenere la rendita soltanto se:

  • c’è stata regolarità nel pagamento del premio (o l’interessato era in possesso dei requisiti di reddito per essere esonerato dal pagamento del premio);

l’interessato possedeva i requisiti di assicurabilità al momento dell’infortunio (età, esclusività del lavoro domestico, assenza di vincolo di subordinazione, svolgimento gratuito dell’attività).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.