Aprire un conto in banca, lo può fare anche chi è protestato?



Aprire un conto




Un protestato è un soggetto che è stato iscritto al Registro dei protesti per il mancato pagamento di un titolo di credito. Molto spesso, le persone protestate si chiedono se possono comunque aprire un conto in banca.

Come aprire un conto

In effetti, in Italia non c’è alcuna disciplina che lo vieta e dunque anche un protestato può aprire un conto in banca: sarà sempre la banca a decidere se permetterglielo o meno, in modo da potersi tutelare. Se la banca deciderà per l’apertura, verificate i costi annui se ci sono costi per le operazioni e se avete a disposizione l’homebanking.

Operativamente, quando un protestato vuole aprire un conto bancario, sarà utile per lui saldare prima i propri debiti e richiedere la cancellazione del registro all’Ufficio Protesti della Camera di Commercio di competenza. Altrimenti, bisognerà ottenere la riabilitazione, presentando una richiesta al Presidente del Tribunale del proprio circondario.  Una volta “liberatisi” del protesto e scelto il conto corrente più idoneo alle proprie esigenze, si potrà procedere all’apertura in filiale oppure online.

I conti corrente bancari per protestati sono in genere dei conti corrente di base con i servizi principali, senza fido e senza assegni.




Questi conti sono dei conti a tutti gli effetti con cui si potrà:

  • ricevere l’accredito dello stipendio o della pensione
  • pagare bollettini e utenze
  • ffettuare o ricevere bonifici
  • prelevare contanti.

Se invece si è ancora protestati, sarà la banca ad effettuare le opportune indagini per verificare se il soggetto è idoneo o meno a divenire titolare di un conto bancario. Nel caso in cui una banca si rifiuti, perché non ritiene opportuno concederglielo, ci si potrà rivolgere ad altri istituti di credito. In alternativa, si può provare con l’apertura di un conto corrente postale oppure richiedere il rilascio di una carta prepagata con codice IBAN.

Insomma, i soggetti protestati non subiscono un trattamento di “sfavore” per la loro particolare condizione ma possono aprire un conto bancario.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.