Moratoria prestiti partita IVA, come si accede 



Moratoria




Il decreto Cura Italia ha previsto la moratoria prestiti per venire incontro alle esigenze di tanti lavoratori e imprese che si sono trovati in difficoltà dopo l’esplosione dell’epidemia di Coronavirus che sta interessando tutto il mondo.

I soggetti destinatari di questo provvedimento sono:

  • piccole e medie imprese
  • i professionisti
  • le ditte individuali
  • i lavoratori autonomi con partita IVA.

Con la moratoria prestiti, chi ne fa richiesta, ha un blocco delle rate dei prestiti e dei mutui contratti.

La prima scadenza era stata fissata al 30 settembre 2020, ma in seguito la moratoria prestiti per le partite IVA è stata prorogata al 31 gennaio 2021 (e al 31 marzo 2021 per i mutui contratti da imprese del turismo). La proroga si attiverà in maniera automatica per le imprese che ne hanno già usufruito, dunque le partite IVA che hanno già beneficiato della moratoria prestiti, non dovranno presentare di nuovo la domanda.

Chi invece deve presentare la richiesta per la prima volta, ha tempo fino al 31 dicembre 2021 per far pervenire la propria domanda alla banca.




Nella comunicazione bisognerà dichiarare:

  • il finanziamento per il quale si presenta la comunicazione di moratoria;
  • “di aver subito in via temporanea carenze di liquidità come conseguenza della diffusione dell’epidemia da COVID-19”;
  • di soddisfare i requisiti per la qualifica di microimpresa, piccola o media impresa;
  • di essere consapevole delle conseguenze civili e penali in caso di dichiarazioni mendaci ai sensi dell’ 47 DPR 445/2000.

La domanda può essere inviata a mezzo PEC o altri sistemi che permettano di risalire alla data di inoltro della comunicazione.

L’impresa o il lavoratore con partita IVA dovrà poi contattare la banca o l’intermediario finanziario per valutare le opzioni migliori e, tutte le banche, intermediari finanziari vigilati e altri soggetti abilitati alla concessione del credito in Italia, devono accettare le comunicazioni di moratoria, se rispettano i requisiti previsti dal decreto Cura Italia.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.