Detrazione e deducibilità, ma qual è la differenza?



Detrazione




Ci sono dei vocaboli che entrano di diritto nel nostro lessico quotidiano: due di questi sono le parole detrazione e deducibilità, termini riferiti all’ambito fiscale, di cui è fondamentale conoscere il significato.

Detrazione o deducibilità, facciamo chiarezza

Entrambe queste parole fanno riferimento alle agevolazioni fiscali di cui può beneficiare un contribuente, e che servono per alleggerire il carico delle tasse dovute.

Conoscere le differenze fra detrazione e deducibilità è fondamentale in fase di dichiarazione dei redditi.

A parole semplici, le deduzioni fiscali partecipano direttamente a determinare il reddito imponibile (che viene utilizzato poi come base per calcolare i tributi).




Gli oneri deducibili, infatti, producono effetti sul reddito imponibile, cioè prima che avvenga il calcolo della tassazione e prima di applicare le detrazioni fiscali che, invece, operano sull’imposta lorda da pagare.

Infatti le detrazioni fiscali non partecipano alla determinazione del reddito ma all’importo da pagare per un tributo. Supponiamo che una persona percepisca un reddito di 50 mila euro e che usufruisca di oneri deducibili fino a 3000 euro.

Allora il suo reddito imponibile a fini IRPEF sarà pari a 47 mila euro. A questo punto, sul reddito imponibile di 47 mila euro, potranno essere calcolate le detrazioni fiscali.

Rientrano fra le deduzioni fiscali:

  • le donazioni ad organizzazioni non governative o alle associazioni no-profit
  • i contributi versati per la previdenza complementare (fino a un massimo di 5000 euro circa)
  • gli assegni di mantenimento in caso di separazione o divorzio

Fra le spese che si possono portare in detrazione, invece, ci sono quelle sanitarie, quelle scolastiche, quelle per lavori di ristrutturazione, le rate del mutuo, l’affitto o il leasing dell’automobile.

Praticamente, le deduzioni fiscali avvantaggiano i contribuenti che percepiscono redditi alti in quanto operano una riduzione sul reddito complessivo, prima che avvenga il calcolo sulla base della relativa aliquota (dato che la tassazione si basa su aliquote diverse, in base a diversi scaglioni, come vuole il criterio di progressività).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.