Startup innovativa, ci sono aiuti statali?   



Startup




Chiunque abbia in mente un progetto innovativo che vuole costituire come startup, ha probabilmente bisogno di fonti di finanziamento per farla nascere e crescere.

Gli aiuti statali, in tal senso, possono essere degli utili strumenti per dar vita alla propria startup innovativa e quindi per finanziare la start up e avviarla.

Ma cosa si intende per startup innovativa?

Il decreto legge 19 dicembre 2012 n.179 ha definito una startup innovativa come “unimpresa giovane con forti potenzialità di crescita e ad alto contenuto tecnologico”.

Uno degli aiuti statali a favore delle startup innovative è Smart Money, il bando che mette a disposizione contributi a fondo perduto per startup innovative italiane costituite da meno di 24 mesi o a team di persone che vogliono costituire una startup innovativa.




I requisiti per richiedere l’aiuto sono:

  • avere sede operativa e legale ubicata sul territorio nazionale
  • trovarsi nella prima fase di sperimentazione di un’idea di impresa, nelle prime fasi di avviamento di un’attività di startup oppure nella fase seed, ovvero quella di creazione della combinazione product-market-fit
  • non aver già ricevuto e successivamente non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti individuali incompatibili e ritenuti illegali per la Commissione Europea
  • non essere in liquidazione volontaria o sottoposti a procedure concorsuali con finalità liquidatorie e nel pieno e libero esercizio dei propri diritti
  • non aver restituito delle agevolazioni godute per cui il Ministero dello Sviluppo Economico abbia disposto un ordine di recupero
  • non essere soggetti ad una sanzione interdittiva
  • non operare nei settori della pesca, dell’agricoltura primaria e dell’acquacoltura
  • non avere amministratori o legali rappresentanti condannati con decreto penale di condanna irrevocabile, con sentenza definitiva o sentenza di applicazione della pena per tutti i reati motivo di esclusione per una società dalla partecipazione alla procedura di appalto pubblico, alla data di presentazione

Per accedere al contributo è necessario infine aver redatto un piano di attività e richiedere l’ammissione all’agevolazione.

Le domande devono essere presentate entro il 31 dicembre 2021.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.