Cambiali, si utilizzano ancora?  



Cambiali




Un tempo, per acquistare un’auto o un elettrodomestico o qualsiasi altra cosa, si utilizzavano, come metodo di pagamento, le cambiali, un titolo di credito che aveva lo scopo di rimandare il pagamento di una somma di denaro.

Ma si usano ancora le cambiali?

In effetti si usano ancora, anche se sono state sostituite, nella maggior parte dei casi, dagli assegni postdatati, dalla ricevuta interbancaria diretta (Rid) e dalla ricevuta bancaria (Ri.ba.).

Questo perché le cambiali, essendo un titolo di credito, comportano, nel caso di mancato pagamento, la possibilità da parte del creditore di avviare il protesto del debito e l’esecuzione forzata nei suoi confronti.

Ciò invece non avviene con l’assegno postdatato che non comporta, cioè, alcuna sanzione, pur avendo effetto simile a quello delle cambiali perché il pagamento viene rimandato alla data presente sull’assegno.




Le cambiali, poi, comportano costi aggiuntivi come il versamento dell’imposta di bollo in maniera proporzionale al valore della cambiale, vale a dire del 12 per mille nel caso di cambiale tratta e dell’11 per mille nel caso di vaglia cambiario (laddove l’assegno postdatato invece non comporta costi aggiuntivi).

Quindi possiamo dire che, per quanto le cambiali possano essere ancora in uso, in realtà sono state sostituite da metodi di pagamento più moderni (come l’assegno postdatato, appunto).

Inoltre, sono gli stessi venditori che, nel caso di pagamenti ritardati o dilazionati, si garantiscono in altro modo (ad esempio sanno di quale acquirente possono fidarsi e di quali no, verificando la loro solvibilità oppure richiedendo una fideiussione bancaria oppure sancendo l’accordo in un contratto scritto).

Un’altra alternativa alle cambiali sono le ricevute interbancarie dirette con cui la banca, su mandato del cliente, preleva in modo automatico dal conto corrente del cliente le somme che dovranno essere accreditare sul conto del creditore, e per questo percepisce una commissione.

Si ricorda che questo non è un titolo di credito come le cambiali ma, per ogni versamento periodico, è previsto un compenso alla banca.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.