Guida all’assicurazione auto



assicurazione




L’assicurazione auto è una copertura obbligatoria per legge e deve essere quindi sottoscritta per ogni veicolo che si possiede. Infatti, la polizza RC ha lo scopo di tutelare il conducente in caso di danni e sinistri a cose e a persone. Si tratta di un contratto che va a tutelare sia il guidatore e il suo patrimonio, dato che la compagnia assicurativa si fa carico di pagare quanto dovuto alla vittima del sinistro, che quindi potrà essere sicuro di ricevere un rimborso.

Tuttavia, scegliere la polizza giusta per la propria auto non è semplice perché il costo di un’assicurazione RC auto varia in base a diversi fattori, che vanno dalla zona di residenza all’età del conducente e, inoltre, dalle garanzie aggiuntive presenti. Per questo motivo è importante valutare attentamente le offerte proposte dalle compagnie assicurative e le relative clausole presenti all’interno del contratto prima di scegliere la polizza.

Come funziona l’assicurazione RC auto

La polizza RC auto viene stipulata dal conducente o proprietario del veicolo con la compagnia assicurativa. Chi sottoscrive la polizza dovrà corrispondere un premio, ovvero pagare una quota su base semestrale o annuale. La compagnia assicurativa, invece, garantisce al cliente un massimale, ovvero un importo massimo che viene erogato a copertura di eventuali danni e può offrire anche alcune garanzie accessorie, ovvero delle clausole aggiuntive per coprire particolari tipologie di danni o per offrire servizi extra.

L’assicurazione auto non prevede il tacito rinnovo alla scadenza del contratto e, quindi, per evitare d’incorrere in pesanti sanzioni è bene informarsi per tempo su come rinnovare l’assicurazione auto scaduta, così da aver chiari tutti i passaggi da seguire e agire in anticipo.




Come viene calcolata e cosa include un’assicurazione auto

La copertura dei danni di un’assicurazione RC auto varia in base alle compagnie e alle richieste dei clienti. L’importo da pagare, inoltre, varia in base alla tipologia di auto, ad eventuali garanzie accessorie e alle classi di merito, che sono legate agli anni di guida e al numero di sinistri provocati oltre che alla zona di residenza. In alcune regione e aree, ad esempio, dove c’è maggior microcriminalità o si verificano più spesso incidenti, il premio può essere piuttosto elevato.

Inoltre, la legge prevede la possibilità di usufruire della polizza auto famigliare, un’agevolazione che permette ai membri di uno stesso nucleo famigliare di ottenere la classe di merito migliore. È possibile anche intestare la polizza a una persona diversa dal conducente abituale per ottenere una classe di merito migliore. Si tratta dunque di due opportunità da valutare se si vuole risparmiare sulla polizza RC auto.

Per scegliere la polizza in linea con le proprie esigenze, quindi, è bene richiedere preventivi da diverse compagnie e confrontarli, al fine di individuare la più adatta e conveniente in termini di copertura dei danni ma anche di budget.

Ad esempio, ci sono delle garanzie accessorie, ulteriori opzioni che possono essere aggiunte alla polizza che vanno a coprire i danni causati in particolari condizioni, una soluzione utile per i neopatentati o per guidatori anziani, oppure che includono la tutela legale e l’assistenza stradale, servizi aggiuntivi da valutare soprattutto per chi utilizza spesso l’auto per spostamenti extraurbani.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.