Bollettini e pagamenti, quanto tempo conservarli



Bollettini




Bollettini postali, vecchie multe, pagamenti vari, bollette, si accumulano in casa ogni giorno. E anche se si potrà avere la voglia di buttarli via per fare spazio nei cassetti, è molto importante invece conservarli opportunamente per i tempi previsti. Ricordiamo che potete dilazionare le bollette quando sono troppo alte facendo richiesta sia telefonicamente che online sul sito del fornitore.

Vediamo qualche esempio:

  • le ricevute di spedizioni devono essere conservate per un periodo che va dai 12 ai 18 mesi
  • le ricevute di strutture turistiche devono essere conservate per almeno 6 mesi (perché entro 6 mesi può essere richiesto di pagare eventuali servizi che non risultano pagati)
  • le ricevute di rette e mense scolastiche, le iscrizioni a corsi, palestre e assicurazioni vanno conservate per un periodo che va da 1 a 5 anni se sono state portate in detrazione nella dichiarazione dei redditi
  • gli scontrini a garanzia di un bene vanno conservati per almeno 2 anni; invece gli scontrini che riguardano farmaci che sono stati detratti in dichiarazione dei redditi vanno conservati per 5 anni
  • le ricevute di pagamento di cambiali e le parcelle dei professionisti vanno conservate per almeno 3 anni
  • il bollo auto va conservato per almeno 3 anni perché entro 3 anni la regione può contestare il mancato pagamento
  • le bollette di luce, gas e acqua vanno conservate per 5 anni dalla scadenza
  • le spese condominiali, i canoni di locazione, il CUD e CU, le multe, le tasse sui rifiuti, le ricevute Imu e Tasi vanno conservate per 5 anni
  • le ricevute di pagamento delle rate del mutuo vanno conservate per almeno 5 anni dalla scadenza della data di riferimento
  • le prove di pagamento di una multa devono essere conservate per 5 anni
  • il modello UNICO e il 730 vanno conservati per almeno 8 anni perché il Fisco effettua controlli sulle dichiarazioni dei redditi per un massimo di 7 anni
  • gli estratti conto dovrebbero essere conservati per almeno 10 anni

Infine, vanno conservati per tutta la vita:

  • gli atti notarili
  • i rogiti
  • gli atti di matrimonio/separazione e divorzio
  • gli attestati e i diplomi






Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.