La polizza sulla perdita di lavoro, un’utile paracadute per la famiglia


La polizza sulla perdita di lavoro, un'utile paracadute per la famiglia

Le famiglie oggi hanno bisogno di una protezione più ampia in fatto di risorse.
La crisi, le difficoltà finanziarie, mettono a rischio la stabilità dei nuclei domestici per questo viene posta sempre
più attenzione alle scelte in tema di assicurazione.
In primo piano balza prepotentemente la volontà di assicurarsi contro la perdita del lavoro, una scelta che si rende
necessaria per poter disporre di un contributo aggiuntivo nel caso si verificassero problemi di salute, e ci si dovesse
assentare dal posto di lavoro per tempi lunghi, oppure si verificasse la spiacevole ipotesi  del licenziamento.

La polizza spesso imposta dalle banche

L’assicurazione contro la perdita del lavoro spesso viene imposta dalle banche al cliente come  garanzia nel caso di
prestiti di denaro o veri e propri mutui.
Chi sottoscrive questa tipologia di polizza lo fa anche per poter disporre di una previdenza complementare.
Occorre prestare molta attenzione nell’acquistare una polizza contro la perdita del lavoro perchè alcuni prodotti sul
mercato si sono rivelati poco adeguati, per questo è bene rivolgersi a competitors seri come possono essere i
comparatori assicurativi più quotati.

Quella della ricerca attraverso gli aggregatori on line è un’ottima opportunità

Intanto viene già fatta una selezione di base perchè questa tipologia di prodotto non è offerta da tutti i comparatori
assicurativi presenti in rete.
Alcuni ad esempio la inseriscono genericamente nelle assicurazioni sul prestito, o sul mutuo casa.
Vale comunque la pena confrontare prodotti assicurativi diversi offerti ad esempio da facile.it, segugio.it,
comparameglio.it o mioassicuratore.it, che offre una risposta specifica al tema della perdita lavoro nell’area dedicata
a casa e famiglia.
I  comparatori garantiscono un risparmio sicuro e permettono di effettuare una scelta fra prodotti che si
adeguano perfettamente alle esigenze.
Fruire di una sorta di ‘polizza paracadute’ fa la differenza nel caso in cui il rapporto di lavoro  risulti  interrotto
per cause involontarie.

Ipotesi licenziamento giusta causa premio non pagato

Nell’ipotesi in cui il lavoratore si licenzi o venga licenziato, per una giusta causa, il premio non può essere pagato.
Possono sottoscrivere polizze contro la perdita del lavoro le persone che esercitano effettivamente una regolare
attività, di norma alle dipendenze di terzi.
La polizza garantisce una copertura in caso di decesso da infortunio e invalidità permanente, una tutela che non
considera il tipo di lavoro svolto, e copre ogni categoria indistintamente, a prescindere dalla professione esercitata.
Nel caso in cui dovessero verificarsi le difficoltà contemplate dall’assicurazione, l’assicurato potrà beneficiare di
un’indennità di disoccupazione, che potrebbe corrispondere ad  una cifra globale, consegnata una tantum, oppure
mensile o semestrale,  a seconda di quanto stabilito dalle condizioni, sottoscritte in sede di contratto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*