Risparmiometro 2018, l’agenzia delle entrate spierà i nostri conti



Risparmiometro 2018, l'agenzia delle entrate spierà i nostri conti




Il risparmiometro è il nuovo strumento dell’agenzia delle entrate che permetterà allo stato di intervenire sull’evasione fiscale che proverà ad arginare tutto il flusso di soldi in nero che non vengono dichiarati. In parole povere il funzionamento del risparmiometro 2018 e del suo algoritmo e che l’agenzia delle entrate utilizzerà è molto semplice, controllerà i conti correnti e verificherà che siano in linea con le dichiarazioni dei redditi presentate.

Risparmiometro 2018, cosa accade davvero?

Il dubbio di molti contribuenti è che il risparmiometro 2018 possa dare dei falsi positivi rispetto alle reali condizioni economiche di un individuo. Ovviamente come accade con il redditometro ogni contribuente può giustificarsi grazie al contraddittorio e dimostrare che c’è stato un errore. Molto importante da sapere che tutte le persone fisiche che hanno un contro corrente fiscale possono essere controllate e possono ricevere l’avviso di incongruenza sul conto corrente stesso. Sarà poi l’individuo a dover spiegare i vari movimenti conto corrente e, nel caso la documentazione non fosse convincente, solo allora scatterebbe il controllo fiscale vero e proprio.
Il risparmiometro andrà a controllare non solo i conti correnti ma anche:

  • conto depositi e tioli
  • obbligazioni
  • contro a deposito a risparmio vincolato
  • rapporto fiduciario
  • gestione collettiva del risparmio
  • gestione patrimoniale
  • buoni fruttiferi
  • conto terzi individuale e globale
  • carte di credito

Vale anche per la “paghetta”?

Ovviamente lo scopo dell’agenzia delle entrate è quella di verificare che non ci siano discrepanze tra i
conti correnti e il guadagno di una persona. Infatti a finire nell’occhio del mirino saranno tutti quei
versamenti che non hanno una giustificazione e che non sono tracciabili. Qui c’è da aprire un capitolo
sull’eventualità di una “paghetta” da parte del genitore, cosa che in questo periodo può capitare ai più
giovani che ancora non hanno una stabilità economica. È chiaro che un versamento di 500 euro non
farà scattare un controllo fiscale, certamente è che se ogni mese c’è un versamento costante di una
certa cifra allora il risparmiometro farà scattare l’alert e sarà compito del contribuente chiarire da dove e
da chi arrivano quei soldi.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.