Essere protestato, cosa significa e cosa accade



Essere protestato, cosa significa e cosa accade




A volte può succedere che si emettano pagamenti senza sapere concretamente se si è coperti o meno. Nel caso in cui si emetta un assegno o si effettui un pagamento con carta di credito senza avere denaro sufficiente nel proprio conto corrente bancario, si rischia di diventare protestati.

Nello specifico, si è considerati protestati quando non si è in grado di emettere pagamenti di debiti tramite titoli di credito (come, ad esempio, pagamenti con assegni o con carta di credito). Successivamente, il creditore potrà provvedere a fare un atto di protesto. Vediamo, nello specifico, che cosa fare quando si è protestati e in che posizione si rientra.

Essere protestati ed effettuare pagamenti

Quando si è protestati si è iscritti al registro dei protesti a causa di un mancato pagamento con titoli di credito. In altre parole, la banca sotto cui si ha il proprio conto corrente può decidere di rifiutare di emettere un assegno o una cambiale a terzi semplicemente perché non è presente denaro a sufficienza.

Detto questo, il creditore che non riceve il pagamento può, di conseguenza, procedere a dichiarare l’atto di protesto. Da notare che, qualunque sia la motivazione, il rifiuto del pagamento può esser considerato un atto che permette al creditore di ritenere il debitore come un protestato.




Atto di protesto e pagamenti

Ma cos’è nella fattispecie un atto di protesto? L’atto di protesto è una procedura formale che permetterà di catalogare il soggetto che non emette il pagamento come protestato. Proprio gli assegni o la carta di credito con cui si effettua il pagamento che non viene accettato vengono considerati pagamenti “protestati”.

Ciò che avverrà successivamente all’atto di protesto può riguardare eventuali azioni esecutive legate a pignoramenti di beni o eventuali richieste di credito. Tutto ciò che avviene dopo l’atto di protesto viene indicato nel registro dei protesti.



Загрузка...