Pace fiscale: rottamazione delle cartelle Equitalia



Pace fiscale: rottamazione delle cartelle Equitalia




Ultimamente si sente parlare di condono e di rottamazione di cartelle Equitalia. Ma tutto questo è vero? Sembra che il nuovo governo Lega e M5S stia effettivamente procedendo ad una notevoli riduzione delle cartelle di Equitalia, agevolando tutti i soggetti eccessivamente indebitati ad estinguere i debiti accumulati fino a 200.000 euro.
Questo processo si chiama Pace Fiscale e sembra che entrerà in vigore per la prossima Legge di Stabilità 2019. Di conseguenza, si dovrà aspettare il nuovo anno per poter usufruire di tale agevolazione economica. Si parla di circa 30 miliardi di euro di risparmi grazie a tale condono anche se, tuttavia, i piani dichiarati sono ancora inconcretizzati. Vediamo nello specifico quali cambiamenti (e miglioramenti) porterà la nuova Pace Fiscale.

Condono ed agevolazioni economiche della Pace Fiscale

Nello specifico, la Pace Fiscale andrà a considerare il reddito del singolo e di conseguenza andrà ad
applicare una delle tre aliquote prestabilite, ovvero del 6%, del 10% o del 25%. Ma con quale
presupposto verranno applicate le riduzioni.

Ad esempio, se su un reddito di 200.000 (ovvero il tetto massimo attualmente previsto dal governo) si
andrà a calcolare una percentuale del 6%, il debitore potrà estinguere i propri indebitamenti pagando
una cifra che si aggirerà attorno ai 12.000 €. Di conseguenza, la stessa applicazione verrà fatta per le
aliquote del 10% e del 25%.

Da considerare che la Pace Fiscale include tutti quei soggetti che presentano cartelle Equitalia dal 2014. Inoltre, il condono considererà tutte quelle cartelle che hanno avuto a che fare con eventi quali fallimenti aziendali o altre vicissitudini che impossibilitano eventuali entrate. Si può dedurre che è un processo molto complicato e che, quasi sicuramente, la Pace Fiscale avrà bisogno di molto tempo prima che venga attuata.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.