Cartelle esattoriali, cosa si rischia se non si pagano?



Cartelle esattoriali




Se la cartella esattoriale non viene pagata entro 60 giorni dalla notifica dell’Agenzia delle Entrate Riscossione, questa può diventare oggetto di esecuzione forzata e pignoramento. Per chi deve pagare gli arretrati non c’è che aspettare una nuova pace fiscale 2020 che probabilmente arriverà.

Cosa può fare l’agenzia delle entrate

In particolare, l’Agenzia delle Entrate, dopo la notifica della cartella di pagamento, decorso il termine per il relativo pagamento può:

  • promuovere l’azione esecutiva vera e propria con il pignoramento;
  • promuovere azioni cautelari come il fermo di beni mobili registrati o l’ipoteca di diritti immobiliari (sono misure atte a far pressione sul debitore per ottenere il pagamento);
  • intraprendere altre azioni per recuperare il credito.

Il contribuente deve essere informato in anticipo di ogni azione che l’Agenzia delle Entrate vuole compiere per recuperare il credito.




Per quanto riguarda il pignoramento

Per quanto riguarda il pignoramento, questo può avvenire su beni mobili o immobili del debitore (anche se in comproprietà con altre persone), posseduti in casa o in azienda.

O ancora, può essere pignorato lo stipendio, la pensione o il conto corrente, entro certi limiti. I beni pignorati vengono messi in vendita all’asta oppure mediante pubblico incanto.

Se il debito da riscuotere è inferiore ai 1000 euro, l’Agenzia delle Entrate, prima di iniziare l’azione esecutiva, deve inviare tramite posta ordinaria, una comunicazione al debitore con il dettaglio delle iscrizioni a ruolo: solo allora, decorso il termine di 120 giorni, può iniziare l’esecuzione.

Ad ogni modo, non è previsto il carcere

Ad ogni modo, non è previsto il carcere per chi non paga volontariamente o è impossibilitato a farlo; infatti, il debitore è esposto solo con il suo patrimonio presente e futuro.

Se non si hanno redditi o beni intestati, il debito rimane e, se non avviene la prescrizione, lo erediteranno gli eredi che possono evitare ciò solo se rifiutano entro 10 anni l’eredità o la accettano con il beneficio di inventario.

In ogni caso, il debitore non viene segnalato in Crif o alla Centrale rischi.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.