Imposta di pubblicità con i faretti, si paga di più?



Imposta di pubblicità con i faretti, si paga di più?




Quando si apre un’attività commerciale, spesso si decide di investire in pubblicità e proprio per questo motivo ci sono delle spese da sostenere. Le imposte sono diverse, ma la domanda più comune è quella che riguarda la pubblicità con i faretti, tutti vogliono sapere se si paga di più.

Di seguito cercheremo di spiegare al meglio l’imposta sulla pubblicità con i faretti che riguarda le insegne dei negozi e delle proprie attività commerciali.

Imposta di pubblicità con i faretti, quello che c’è da sapere

In primis quando si decide di voler effettuare una pubblicità, bisogna rivolgersi al Comune in cui si decide di esercitare, per poi verificare se le modalità sono previste dalla legge applicata sul luogo. Uno dei principali passaggi per l’imposta sulla pubblicità con i faretti, è quello che riguarda la verifica del regolamento Comunale, il tutto per poter poi scoprire la disciplina, i vantaggi e le limitazioni.

È necessario poi dover specificare anche la tipologia e la quantità degli impianti pubblicitari da voler installare, i criteri con cui volerli realizzare e la superficie destinata agli spazi pubblicitari. Quando si decide di installare insegne luminose, significa che si vuol far riconoscere la propria attività e migliorarle l’immagine.




Imposta di pubblicità con i faretti, come si calcola

Quando si parla di un’insegna con una superficie superiore ai 5 metri quadrati il canone o le imposte sono dovuti per tutta la superficie della sede di dove si svolge l’attività. Al contrario, se vengono esposte due insegne, una ad esempio di 3 e una di 1 metro quadrato, dato che la loro superficie è inferiore ai 5 metri quadrati, non solo l’imposta non è dovuta sulla pubblicità, ma non è nemmeno dovuto il canone per l’installazione dei mezzi.

Non resta altro quindi che scegliere il metodo di affissione della propria insegna pubblicitaria, per poi effettuare al meglio i calcoli delle imposte dovute, oppure delle relative agevolazioni.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.