Volantinaggio, si paga una tassa per farlo?      



Volantinaggio




Con l’avvento di Internet, la pubblicità si fa soprattutto online, ad esempio sui social network o con le inserzioni a pagamento su Google. Uno degli aspetti più importanti del lavoro in proprio, la pubblicità!

Tuttavia tantissime attività utilizzano i volantini

Tuttavia tantissime attività utilizzano i volantini per far conoscere ai potenziali clienti i propri prodotti o servizi oppure le ultime offerte.

Per questo ancora oggi sono tantissime le persone che fanno volantinaggio, dando in strada volantini alle persone o appoggiandoli sui vetri delle macchine o inserendoli nelle cassette della posta.

Un volantino è oggi uno strumento che permette di fare una buona pubblicità  e per questo, prima di essere distribuito, viene ideato ad hoc o da soli (se si hanno le giuste competenze) o con l’ausilio di un grafico.




Ma la creazione e la distribuzione dei volantini non sono le uniche cose da fare prima di iniziare un’attività di volantinaggio.

Occorre infatti ottenere un’autorizzazione da parte del proprio Comune: in particolare la richiesta va fatta all’Ufficio Pubbliche Affissioni.

Qui bisognerà dare informazioni come:

  • la data prevista della distribuzione dei volantini
  • il numero di addetti alla distribuzione
  • una copia del volantino da distribuire

Poi, per fare volantinaggio, occorre pagare la cosiddetta tassa sulla pubblicità, al fine di non incorrere in sanzioni.

E sarà proprio l’Ufficio Pubbliche Affissioni a decretare l’importo da pagare sulla base dei dati forniti.

Infatti, per ogni volantino pubblicitario distribuito, chi lo ha fatto stampare deve versare all’amministrazione una tassa di 5 centesimi a volantino.

Quindi l’ammontare di questa tassa dipenderà dal numero di volantini che si intende distribuire.

Se diventano tanti, l’importo della tassa sul volantinaggio potrebbe diventare importante.

Tuttavia, nel caso in cui il volantinaggio si svolga porta a porta (quindi nelle cassette postali o negli esercizi pubblici), non c’è bisogno di  pagare questa tassa.

In ogni caso, per stare più tranquilli, ci si può informare presso l’Ufficio Pubbliche Affissioni del proprio Comune.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.