Partita Iva per lavoro con l’estero, quale fare?



Partita Iva per lavoro con l’estero, quale fare?




Non pochi sono i proprietari d’azienda che desiderano una tassazione differente da quella Italiana, vedi per i costi, vedi per organizzare al meglio la gestione economica interna. Ma come si apre una partita iva all’estero? La partita iva all’estero ha costi specifici? Vediamo come poter gestire la propria attività anche in sede estera o, in alternativa, aprendo una partita Iva estera in Italia.

Aprire una partita Iva Estera

Innanzitutto, è opportuno creare un’attività vera e propria all’estero e non una semplice sede che permette di “evadere” dalla tassazione italiana. In fin dei conti, deve risultare un fattore legale e dichiarare una sede estera mentre si lavora in Italia è come dichiarare un domicilio estero quando si vive a Firenze per pagare una tassazione differente.

Sostanzialmente, su un piano legale non c’è nessun tipo di divieto per esercitare un’attività all’estero, nemmeno per quanto riguarda l’apertura di una partita Iva straniera in Italia. Tuttavia, è bene specificare che ci sono 2 metodi specifici da considerare.

Il primo metodo è quello di aprire una partita Iva estera vivendo in Italia. In questo modo, tutte le attività e tutti i redditi necessitano d’esser dichiarati in Italia. Considerando che al fisco interessa semplicemente che la società appartenga ad un soggetto Italiano, questo può bastare per risultare legali.




Il secondo metodo, naturalmente, è quello di stabilire l’attività vera e propria all’estero. Per farlo è necessario tener di conto di tutte le procedure legali dello stato in questione e, inoltre, capire come “tradurre” la propria azienda all’estero.

Che cosa significa? Semplicemente bisogna capire qual è l’attività che equivale ad una S.P.A, S.R.L. o altra attività che sia, considerando i sistemi giuridici esteri. Ad esempio, se si desidera trasferire l’attività completamente in Irlanda, una S.R.L. sarà una P.L.C.

 



Загрузка...

1 Trackback / Pingback

  1. Sede legale all’estero, gli obblighi fiscali in Italia

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.