Assegno non trasferibile cosa significa?



Assegno non trasferibile cosa significa




Compilare assegno di qualsiasi tipo è semplicissimo ma cosa è l’assegno non trasferibile? Quali sono le sue principali caratteristiche, e come poterlo negoziare nella maniera più corretta possibile cosi da non andare incontro a sanzioni salate?

L’assegno non trasferibile è un mezzo di pagamento al quale viene applicata una clausola di non trasferibilità. Ma come funziona realmente? E quanto è obbligatorio? Quali sono le specifiche che bisogna sapere tassativamente? Cerchiamo di fare chiarezza.

Iniziamo con il dire quale sia il significato vero e proprio dell’assegno non trasferibile, e le più importanti specifiche. Non possiamo che iniziare segnalando come la clausola non trasferibile sia in grado di impedire la girata dell’assegno rendendo il titolo nominativo, consentendone l’accesso solo ed esclusivamente al beneficiario. Per questo semplice motivo, la girata dell’assegno non trasferibile non potrà in alcun modo essere fatta solo dal destinatario del pagamento, logicamente indicato nel titolo stesso.

Assegno non trasferibile: qual’è l’importo massimo?

Se è vero che è possibile stabilire una clausola di non trasferibilità anche per cifre irrisorie, al tempo stesso è anche vero che superata una soglia determinata la clausola non trasferibile non diventa una semplice facoltà in capo a colui che emette il titolo e prende la decisione di firmare l’assegno non trasferibile, ma a tutti gli effetti un obbligo.

Il limite di non trasferibilità dopo molti cambiamenti in questi anni ora è fermo a soli 1.000 euro.

Oltre all’assegno non trasferibile, ne esistono altri due molto utilizzi i seguenti: scoperto e protestato.

Assegno protestato come funziona?

L’assegno protestato è un assegno bancario o postale trovato scoperto e sul quale entra in gioco la Prefettura stesso aprendo un procedimento sanzionatorio, dove obbliga a pagare una sanzione di 516 euro fino a 6197 euro.

Assegno scoperto: qual’è il suo funzionamento?

Parliamo di un assegno emesso senza disponibilità economica. Magari una persona vi deve del denaro, per pagarvi vi consegna un assegno e voi andate a ritirarlo. L’impiegato tuttavia, non vi da una buona notizia: sul conto del vostro debitore non c’è neanche un centesimo. Questo è chiamato per l’appunto assegno scoperto.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.