Assegno scoperto cosa succede e che significa



Assegno scoperto cosa succede e che significa




Compilare assegno è un gioco da ragazzi. Esistono diverse modalità quando si compilano gli assegni la cosa che senza dubbio dobbiamo  porre attenzione è sicuramente se l’assegno non sia scoperto e cioè che sul nostro conto ci siano soldi a sufficienza per coprire la spesa. Succede spesso e volentieri per un motivo o l’altro chiudere un’obbligazione o un contratto con un qualunque acquirente che non abbia disponibilità a livello economico e, conscio di tutto ciò, per entrare in possesso di un bene è disposto a rischiare le conseguenze previste da un assegno vuoto. Qui sotto vedremo brevemente cos’è un assegno scoperto e a quali sanzioni si rischia di andare incontro.

Cos’è un assegno scoperto

L’assegno scoperto o vuoto, come si può facilmente intuire dal nome stesso, è un assegno ordinario emesso senza denaro da parte del debitore. Nello specifico, l’assegno viene considerato vuoto quando nel conto del traente non c’è alcuna disponibilità sufficiente per riuscire a far fronte al pagamento contratto.

Conseguenze e sanzioni per un assegno scoperto

Se dopo circa 60 giorni concessi dalla banca per il pagamento tardivo non viene saldato nessun debito, si procede con l’azione di protesto. Il tutto ha l’obiettivo principale di certificare formalmente il mancato adempimento all’obbligazione da parte del debitore presso uno studio notarile. Tale formalità porta cosi a diverse sanzioni non penali, ovvero:




  • Segnalazione alla “Centrale rischi”, il tutto porta a non poter più aprire conto correnti o fare accesso ad agevolazioni bancari;
  • Impossibilità di emettere nuovi assegni bancari fino a 5 anni,
  • Multa di ben 6.200 euro.

Oltre all’assegno scoperto un altro molto utilizzato e discusso è l’assegno protestato.

Cos’è l’assegno protestato?

L’assegno protestato non è altro che un assegno bancario o postale che è stato trovato anch’esso scoperto e sul quale la Prefettura stesso si prende la briga di aprire un procedimento sanzionatorio, dove costringe a pagare una sanzione che varia da un minimo di 516 euro a massimo 6197 euro.

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.