Assegno bancario, come utilizzarlo al meglio



Assegno bancario, come utilizzarlo al meglio




Compilare assegno è un gioco da ragazzi per chiunque. Ma a cosa a serve? L’assegno bancario non è altro che un mezzo di pagamento riservato a chi ha un conto in banca che contestualmente all’apertura del conto o anche un successivo momento richiede, se previsto da contratto, il libretto assegni che di consueto è composto da un massimo di 20 assegni minimo 10 staccabili e numerati in progressione.

L’assegno è composto da due parti: quelle che resta incollata al libretto e prende il nome di matrice e quella che invece dev’essere consegnata al beneficiario, chiamata per l’appunto assegno. Con l’assegno il titolare di un conto bancario in pratica ordina alla propria banca di fiducia di prelevare il denaro del proprio conto cosi da effettuare il pagamento nei confronti del beneficiario.

Come compilare un assegno

Riuscirci è molto semplice, occorre mettere  data e Comune di emissione dell’assegno, cifra esatta che s’intende trasferire, indicazione del beneficiario e firma dell’emittente. La data va indicata con giorno, mese ed anno. L’assegno, tra l’altro, va riscosso entro 8 giorni.




Esistono inoltre diversi tipi di assegno, i più noti sono quello scoperto e protestato che ora analizzeremo nel dettaglio

Assegno protestato come funziona?

L’assegno protestato è un assegno postale o bancario che è stato trovato scoperto e sul quale la Prefettura stesso apre un procedimento sanzionatorio, dove obbliga a pagare una sanzione di 516 euro fino a massimo 6197 euro.

Assegno scoperto cos’è?

Concludiamo con l’assegno scoperto. Quest’ultimo è un assegno emesso senza alcun denaro al proprio interno. Magari una persona vi deve del denaro, per pagarvi vi consegna un assegno e voi andate in banca a prelevarlo. L’impiegato tuttavia, vi da una brutta notizia: sul conto del vostro debitore non c’è neanche un centesimo. Questo si chiama assegno scoperto punibile per legge con sanzioni salate.



Загрузка...