Diritti del malato, cosa succede in casi di malasanità



Diritti del malato




Purtroppo, sempre più spesso la cronaca ci informa di casi di malasanità in ospedale. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, le situazioni inaspettate che arrecano danno al paziente, anche se non intenzionali e non desiderabili, rappresentano il 10% dei ricoveri.

Di questi eventi avversi, si può parlare di errore medico solo se il danno era prevenibile. Tuttavia, la Costituzione Italiana sancisce il diritto alla salute e quindi di ricevere trattamenti medici di prevenzione e cura adeguati.

La tutela dei diritti del malato

Se questo non accade, ci sono alcuni strumenti di tutela dei diritti del malato in caso di malasanità e la possibilità di ricevere eventualmente dei risarcimenti per i danni subiti. Si parla di malasanità quando un paziente subisce danni fisici e/o psicologici come conseguenza di prestazioni sanitarie inadeguate visto che esistono i diritti del malato.

Per ricevere un risarcimento danni, occorrerà richiedere assistenza legale ad uno studio specializzato in malasanità che riuscirà a dimostrare gli elementi che accertano che si sia trattato di un episodio di malasanità.




Questi elementi fanno riferimento a:

  • colpa medica cioè il sanitario deve aver seguito un comportamento diverso da quello segnalato dalle linee guide e dalle buone pratiche;
  • danno al paziente, grave e/o permanente, che superi la soglia di gravità necessaria a giustificare un’azione legale;
  • nesso causale fra comportamento colposo e danno arrecato al paziente.

Se esistono tutti e tre questi elementi, si è certi che si sia trattato di malasanità e dunque il malato che l’ha subita (o i suoi parenti) possono fare richiesta di risarcimento danni nei confronti della struttura responsabile. Se anche uno solo di questi elementi non è dimostrabile, non si avrà accoglimento della propria richiesta di risarcimento. Infine, è necessario che l’episodio rientri nei termini di prescrizioni: questi ricorrono dal giorno in cui si può far valere il diritto e terminano entro 10 anni.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.