Ecommerce con sede all’estero si può fare?



Ecommerce




Per ecommerce, si intende l’insieme delle transazioni di compravendita di beni e servizi che avvengono online attraverso Internet. Sono comprese anche la distribuzione di contenuti digitali o il commercio informatico online o telematico (come il trading online). Sempre più spesso, si tende ad affiancare ad un negozio tradizionale, il corrispettivo negozio online, appunto l’ecommerce ma cosa dice la legge per ecommerce e partita iva?

Ecommerce e siamo aperti al mondo

In questo modo, si possono raggiungere anche clienti che si trovano dall’altra parte del mondo. Esistono due tipi di ecommerce:

  • ecommerce diretto ovvero la cessione di un bene in rete che è però già fruibile al momento del pagamento (mp3, audio book, corso a distanza).

In realtà, si tratta piuttosto di un servizio e quindi questa operazione viene configurata come una prestazione di servizi.

Per questo tipo di commercio, è previsto l’esonero dall’emissione di fattura e dalla certificazione dei corrispettivi per i clienti italiani.




  • Ecommerce indiretto: l’accordo contrattuale tra le parti avviene online mentre il perfezionamento del contratto avviene solo al momento della consegna del bene.

Secondo la Cassazione n.16296/2018 non è possibile costituire una società estera e gestirla dal territorio italiano neppure se opera online in modalità “ecommerce”, con conti correnti presso banche italiane. Dunque, non sarà possibile aprire un ecommerce con sede legale all’estero per poter usufruire dei vantaggi fiscali e vendere i prodotti in Italia. D’altronde, se si vuole vendere all’estero, si può farlo semplicemente anche avendo la sede del proprio ecommerce in Italia.

Per vendere all’estero online (ma anche in Italia), il venditore deve fornire diverse informazioni al cliente:

  • nome della società e informazioni di contatto;
  • descrizione del bene o servizio venduto;
  • prezzo totale;
  • opzioni di pagamento accettate;
  • costi di spedizione;
  • durata del contratto;
  • condizioni di termine del contratto;
  • recesso del contratto.

Queste informazioni devono essere contenute nei “Termini e Condizioni” e devono essere nella lingua del Paese in cui si stanno vendendo i beni o servizi.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.