Coronavirus, come sta influenzando l’economia



Coronavirus




L’emergenza Coronavirus sta avendo un grosso impatto sulla vita di tutti i cittadini, costretti a cambiare le proprie abitudini di vita e a dover ridurre la propria vita sociale al fine di evitare il propagarsi del virus. Inoltre molte aziende, specialmente le più piccole potrebbero andare in default nel breve periodo.

Le ripercussioni dell’epidemia

Le ripercussioni dell’epidemia, però, non sono solo sociali ma anche economiche, sia a livello nazionale che globale, perché il Coronavirus è stato dichiarato ufficialmente, l’11 marzo, una pandemia globale.

Sempre l’11 marzo il Presidente del Consiglio dei Ministri Conte ha dichiarato per l’Italia il lockdown, una procedura che ha sancito la chiusura di attività commerciali quali bar, pub, ristoranti, centri estetici e negozi di abbigliamento, eccetto i negozi di generi alimentari o di beni di prima necessità come farmacie ed edicole. Questo ha, ovviamente, delle conseguenze per i tanti commercianti che hanno dovuto chiudere le proprie attività, per le quali è consentita soltanto la consegna a domicilio.

Boom nelle vendite online

Per questo motivo, si sta registrando sempre di più un boom nelle vendite online: i negozi o le attività con un e-commerce, infatti, continuano a consegnare la propria merce (per le quali c’è sempre più richiesta). Non si tratta solo di supermercati o discount che effettuano la consegna a domicilio della spesa, ma anche di acquisti di prodotti di tecnologia, per l’intrattenimento e, sopratutto, di prodotti per l’igiene come i flaconcini di gel igienizzanti e le mascherine.




I negozi che hanno dovuto chiudere le porte delle propria attività, per mantenere i contatti con i propri clienti, non mancano di inviare newsletter con promozioni, nuovi prodotti o spese di spedizione gratuite, al fine di incentivare gli acquisti online. Purtroppo, però, soprattutto l’indotto tecnologico sta vedendo una riduzione della propria produzione per via della mancanza di materie prime o di fattori produttivi di fornitori cinesi.

Anche la domanda da parte dei consumatori cinesi di prodotti italiani (ad esempio quelli del luxury) è diminuita.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.