Recessione, si può ripartire?



Recessione




La recessione è quel fenomeno economico caratterizzato da un calo significativo di tutta l’economia di un Paese: ciò vuol dire che lo Stato in recessione non è più in grado di sfruttare completamente la capacità produttiva. La recessione si contrappone quindi alla crescita economica che invece è caratterizzata da uno sviluppo di un Paese in diversi settori con conseguente aumento della ricchezza, dei consumi e della produzione di beni e servizi.

Quando il prodotto interno lordo è negativo

Convenzionalmente, un Paese viene dichiarato in recessione quando il prodotto interno lordo è negativo per due trimestri consecutivi. Come conseguenze della recessione ce ne possono essere diverse, ma bisogna considerare lo stato di partenza dell’economia del Paese: ad esempio, può verificarsi un calo dell’occupazione (derivante dalla minore produzione), minori investimenti (derivanti dalla sfiducia creatasi sui mercati finanziari) e un aumento del costo della vita.

Nonostante tutto, è possibile ripartire dalla recessione anche se è un processo graduale e diverso a seconda della gravità della situazione, dell’orientamento politico del governo dello Stato in cui si sta verificando e delle politiche economiche che si vogliono porre in essere. Per poter uscire dalla recessione si potrebbe provare, ad esempio, a rilanciare la richiesta di beni e servizi (cioè la capacità produttiva di un Paese), dato che una delle cause della recessione è proprio la diminuzione della domanda aggregata.

Le politiche economiche

Per quanto riguarda le politiche economiche, gli economisti monetaristi suggeriscono di adottare delle politiche monetarie espansive che mirano a far crescere gli investimenti e la produzione: cioè quelle politiche economiche che prevedono una riduzione dei tassi di interesse. Gli economisti keynesiani, invece, spingono ad un aumento della spesa pubblica; infine, altri provvedimenti che si possono prendere sono quelli di riduzione delle imposte al fine di stimolare gli investimenti da parte delle imprese.




Trovare una soluzione univoca è molto difficile soprattutto perché la possibilità di indebitarsi è molto alta.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.