Partita iva, cosa fare se non si possono pagare i dipendenti



Partita iva
unsplash-logoGabrielle Henderson




Sempre più spesso in Italia le aziende, quando ricercano il personale, preferiscono scegliere professionisti che abbiano la Partita IVA: selezionano soltanto il personale strettamente necessario mentre per le altre attività fanno riferimento a freelance o lavoratori temporanei con Partita IVA (questo per non assumere con contratto di lavoro subordinato).

Modalità di lavoro sempre più frequente

In ogni caso, sia che si sia un lavoratore con contratto di lavoro subordinato che un lavoratore con Partita IVA, è sempre più frequente in Italia, a causa della crisi, assistere a datori di lavoro che non possono pagare i propri dipendenti.In genere, ogni azienda, contestualmente al pagamento dello stipendio, compila una busta paga che  attesta il pagamento della mensilità ricevuta dall’azienda.

Il lavoratore dovrebbe procedere a firmare la busta paga per confermare il ricevimento della busta paga e l’avvenuto pagamento dell’importo (quest’ultimo è la prova che il datore di lavoro ha effettuato il pagamento). Quindi, nel caso in cui il datore di lavoro non possa pagare i dipendenti, è essenziale che il lavoratore, per far valere il suo diritto alla mensilità che gli spetta per il lavoro che ha svolto, non firmi la busta paga.

La messa in mora

Per poter recuperare quanto spetta, il dipendente innanzitutto non deve far decorrere la prescrizione (cioè il termine di 5 anni dalla cessazione del rapporto di lavoro). Può procedere quindi alla messa in mora che può essere inviata con un fax oppure tramite PEC. In alternativa, può procedere alla conciliazione presso la Direzione Territoriale del Lavoro in maniera gratuita oppure richiedere l’intervento degli ispettori.




Se nessuna di queste vie porta i suoi frutti, può procedere con una causa. L’impossibilità di pagare i dipendenti, che si traduce nel non pagare lo stipendio per diverso tempo ai dipendenti, diventa un reato se a questa mancanza si accompagnano condotte fraudolente o ricatti: in questo caso si può procedere alla denuncia del datore di lavoro.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.