Prestito 25mila euro, chi può richiederlo



Prestito




Fra le misure economiche disposte dal Governo per fronteggiare la crisi derivante dall’emergenza Coronavirus, nel Decreto liquidità è stata prevista la possibilità di richiedere un prestito da 25mila euro fino a 5 miliardi di euro per coloro che si trovino in difficoltà economiche fa parte dello stesso decreto del bonus 600 euro alle partita iva.

Prestito garantito dallo Stato

Si tratta di un prestito garantito dallo Stato che possono richiedere le piccole e medie imprese, gli artigiani, gli autonomi, le persone fisiche che esercitano impresa, arti e/o professioni (anche forfettari), gli enti privati (se iscritti alla Camera di Commercio) e le start up.

Sono escluse le aziende che abbiano avuto finanziamenti in default a febbraio 2020 oppure le imprese che abbiano esposizioni classificate come “sofferenze”.

Il prestito 25mila euro non può sostituire una linea di credito o finanziamento preesistente.




Coloro che vorranno richiederlo, dovranno rivolgersi alla banca e compilare l’apposito modulo di richiesta; tuttavia, soltanto le banche che aderiscono alla convenzione statale del Decreto liquidità, possono concederli. Se il prestito richiesto è quello da 25mila euro, la banca non avvierà alcuna fase di istruttoria cioè non chiederà i conti dell’azienda ma si documenterà sull’andamento degli affari negli anni precedenti alla crisi per valutare se erogare o meno il finanziamento.

Il prestito 25mila euro è garantito al 100% dallo Stato in maniera gratuita mentre il tasso di interesse applicato va dall’1,2 al 2%.

La restituzione del prestito

La restituzione del prestito avverrà in un arco temporale di massimo sei anni ma l’inizio del rimborso partirà non prima di due anni dall’erogazione.

Gli altri soggetti possono richiedere:

  • le piccole e medie imprese con ricavi fino a 3,2 milioni di euro, finanziamenti fino a 800.000 euro;
  • le imprese fino a 499 dipendenti, finanziamenti fino a 5 milioni di euro.

In questi casi, la banca avvierà un’istruttoria, documentandosi sui conti economici e sulla situazione economica e finanziaria dell’azienda che ha richiesto il prestito.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.