Cedolare secca, che cos’è



Cedolare




Il proprietario di un immobile, che decide di darlo in locazione, può optare per un regime di tassazione alternativo, la cedolare secca. Fra i vantaggi di scegliere la cedolare secca c’è che non si devono pagare né l’imposta di registro che di bollo.

Tuttavia, coloro che optano per la cedolare secca, non possono chiedere laggiornamento del canone di locazione, anche se è previsto nel contratto, inclusa la variazione accertata dall’Istat. Nel caso è bene informarsi se è possibile accedere anche la bonus affitto 2021.

Si può scegliere il regime della cedolare secca

Si può scegliere il regime della cedolare secca sia alla registrazione del contratto sia negli anni successivi, in caso di affitti pluriennali.

Però, va ricordato che, se la cedolare secca non viene esercitata all’inizio, la registrazione segue le regole ordinarie: in questo caso, le imposte di registro e di bollo sono dovute e non sono più rimborsabili.




Nel caso in cui si proroghi il contratto di locazione, bisognerà confermare l’opzione della cedolare secca contestualmente alla comunicazione di proroga.

La conferma dell’opzione deve essere effettuata entro 30 giorni dalla scadenza del contratto o di una precedente proroga.

Chi può scegliere la cedolare secca? 

Possono optare per la cedolare secca sia le persone fisiche titolari del diritto di proprietà o di diritti reali di godimento, che non locano l’immobile nell’esercizio di attività di impresa o di arti e professioni, sia i soggetti che si avvalgono del regime delle locazioni brevi.

Per locazioni brevi si intendono quei contratti di locazione di immobili a uso abitativo, di durata non superiore a 30 giorni, stipulati da persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività d’impresa.

Infine, va detto che la cedolare secca può essere esercitata per unità immobiliari appartenenti alle categorie catastali da A1 a A11 (esclusa l’A10 – uffici o studi privati) locate a uso abitativo e per le relative pertinenze, locate congiuntamente all’abitazione.

L’opzione per la cedolare secca può essere fatta anche per i contratti di locazione di tipo strumentale stipulati nel 2019.

I locali commerciali devono essere classificati nella categoria catastale C/1 e avere una superficie fino a 600 metri quadrati, escluse le pertinenze.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.