Spese di pubblicità 2021, sono detraibili? 



Spese




Fra le spese che si può ritrovare a dover sostenere un’azienda ci sono quelle di pubblicità che mirano, appunto, a pubblicizzare e ad aumentare la conoscenza di prodotti o servizi di un’azienda, con l’obiettivo di ottenere un aumento delle vendite e l’acquisizione di nuovi clienti.

Le spese di pubblicità

Le spese di pubblicità implicano sempre l’esistenza di un soggetto che elargisce la prestazione e di un altro soggetto che beneficia di questa prestazione, offrendo un pagamento.

Infatti “Le spese di pubblicità sono conseguenti alla stipula di un contratto sinallagmatico tra due parti”.

Fra le spese di pubblicità rientrano anche quelle di sponsorizzazione per le quali l’impresa sponsorizzatrice, versando una somma di denaro o fornendo una prestazione in natura, ottiene che il soggetto sponsorizzato pubblicizzi il prodotto, il marchio, i servizi o l’attività dell’impresa stessa.




Da un punto di vista fiscale, le spese di pubblicità 2021 sono deducibili al 100% durante l’esercizio in cui sono state sostenute, oppure possono essere ammortizzate nei successivi 5 anni.

Tuttavia è necessario che rispettino i requisiti di:

  • inerenza, ovvero il costo pubblicitario sostenuto deve essere inerente l’attività svolta dall’impresa
  • competenza, cioè le spese devono essere imputate all’esercizio in cui sono state sostenute
  • certezza, la spesa, cioè, deve essere documentata da una fattura

Le spese di pubblicità, in base al decreto sulle semplificazioni fiscali (cioè D. Lgs. 21 novembre 2014 n. 175), godono di una detrazione del 50% e sono detraibili anche in caso di assenza del principio di inerenza. 

Inoltre, secondo quanto disposto dalla sentenza n. 873 della Commissione Tributaria Regionale toscana del 2015, “il diritto alla detrazione rimane acquisito se non vi è dimostrazione di circostanze fraudolente o abusive” imputabili al soggetto interessato e dalla Corte dell’Unione Europea.

Dunque il Fisco italiano ha l’onere di provare che il contribuente abbia commesso un tentativo di frode fiscale, laddove volesse impedire la detrazione IVA sulle spese di pubblicità.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.