Aumenti di luce, acqua e gas, da quanto partono    



Aumenti




Il mese di luglio non indica solo estate, mare, feste e divertimento. Anche quest’anno questo mese segna dei nuovi aumenti nelle bollette di luce, acqua e gas.

Dei rincari davvero significativi

Dei rincari davvero significativi che avrebbero comportato delle spese elevate per tante famiglie, se non fosse fortunatamente intervenuto il Governo a “calmierare” la situazione. Inoltre in molti si domandano cosa succede se non si pagano le bollette e a cosa si va incontro.

In particolare è previsto un incremento del 9,9% per la bolletta dell’elettricità e del 15,3% per quella del gas nel terzo trimestre del 2021 per la famiglia tipo.

L’aumento delle bollette è dovuto al forte aumento delle quotazioni delle materie prime (in continua crescita dall’inizio del 2021 per la ripresa dell’economia dopo i ribassi causati dall’epidemia di Covid 19) nonché alla crescita decisa dei prezzi dei permessi di emissione di CO2.




Stando a questi dati, la conseguenza sarebbe stata un aumento di circa il 20% della bolletta dell’elettricità.

Una spesa di circa 559 euro

Una spesa di circa 559 euro per l’elettricità nel periodo compreso tra il 1 ottobre 2020 e il 30 settembre 2021, con un incremento di oltre 62 euro su base annua.

E una spesa di circa 993 euro per la famiglia tipo per la spesa del gas nel periodo ottobre 2020-settembre 2021 con una riduzione di circa 13 euro su base annua.

Fortunatamente il Governo, per attutire il colpo, ha stanziato 1,2 miliardi di euro, e anche l’ARERA (Autorità per l’energia) ha appoggiato questa iniziativa.

Stefano Bassegghini, presidente dell’ARERA, ha dichiarato che “nellambito della leale collaborazione istituzionale, abbiamo supportato tecnicamente la scelta di intervento del Governo.

Ha continuato dicendo che, senza il decreto, l’aumento delle bollette sarebbe stato molto pesante per le famiglie.

Per questo l’Autorità, utilizzando le leve regolatorie ha conseguentemente ridimensionato gli oneri generali per il trimestre luglio-settembre, attuando una forte riduzione degli oneri generali relativi al sostegno delle energie rinnovabili (ASos), oltre a un’ulteriore riduzione dei rimanenti oneri generali (Arim), in particolare di quelli per la promozione dell’efficienza energetica (come effetto del recente decreto in materia di certificati bianchi).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.