Mutui bancari under 30 in crescita ma non per tutti



Mutui bancari under 30 in crescita ma non per tutti




I rilevamenti degli ultimi 5 anni hanno evidenziato una crescita esponenziale della richiesta di mutui bancari da parte dei giovani sotto i 30 anni.
La percentuale è cresciuta gradualmente fino a decuplicarsi al termine del periodo rilevato.
Anche perché i giovani, abituati al mondo del web, spesso ricercano su varie piattaforme quale sia il mutuo più vantaggioso e capire dove poter risparmiare.

Mutuo bancario, tassi di interesse ai minimi storici

Il risultato è figlio della congiuntura positiva di due fattori: i tassi di interesse ai minimi storici e l’abbassamento dei prezzi delle abitazioni.
Trattandosi di una rilevazione relativa ad un lustro le statistiche sono state soggette ad oscillazioni, nei primi anni infatti i richiedenti che avevano un contratto a tempo determinato erano circa il 75% mentre negli ultimi questo dato è cresciuto fino all 84%.
E’ cresciuto sensibilmente anche la percentuale delle concessioni, passando dal 2 al 12%.
In aumento anche la misura del finanziamento, ben il 19% in più rispetto a cinque anni fa.

I numeri positivi non devono però illudere, perchè i mutui vengono concessi quasi esclusivamente ai titolari di contratto di lavoro a tempo indeterminato.
A testimonianza di una stretta riguardo alle garanzie è la discesa fino al 12% dei mutui concessi a lavoratori precari ed alla luce di questo segnale si abbassa sensibilmente anche il numero di coloro che si recano in banca per richiedere il mutuo,
consci probabilmente del rifiuto della domanda di credito.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.