Caregiver familiare, come fare domanda all’ INPS per il sostegno



Caregiver familiare, come fare domanda all’ INPS per il sostegno




Il caregiver familiare è una figura che si occupa quotidianamente di assistere un familiare non autosufficiente.
Nella maggior parte dei casi si tratta di anziani, disabili, persone affette da gravi patologie fisiche e/o psichiche.

Un lavoro di cura quello svolto dai caregivers la cui peculiarità e che rende il loro lavoro diverso rispetto al lavoro svolto dal badante è la gratuità delle attività svolte. Detto in altri termini il caregiver non percepisce un compenso economico per il lavoro di cura che presta.
Cosa ancor più grave, chi si prende cura del familiare ammalato, pur svolgendo un lavoro gravoso non ha tutele giuridiche
(eccezion fatta per alcuni esempi virtuosi, primo fra tutti la legge regionale dell’Emilia Romagna).

Il lavoro del caregiver è un lavoro di cura costante ciò lo rende molto impegnativo, nella maggior parte dei casi comporta delle conseguenze limitanti sul piano personale derivanti dal rischio di essere sovraccaricati di lavoro.
Siamo inoltre di fronte ad una segregazione di genere, sono infatti soprattutto le donne a prendersi cura del familiare bisognoso di assistenza personale e familiare.

Ci sono agevolazioni per il caregiver familiare?

Secondo quanto disciplinato dalla legge 104/1992 il caregiver oltre ad avere diritto ad agevolazioni fiscali ha accesso anche a trattamenti pensionistici particolari quali ad esempio l’ape sociale o il prepensionamento.




Ovviamente l’accesso a queste misure di sostegno al reddito non è automatico, ma ci sono dei requisiti per vedersi riconosciuto il diritto all’ erogazione della pensione sociale, il primo dei quali è assistere da almeno sei mesi un familiare.
Le persone assistite possono essere familiari di primo e secondo grado.

Con la circolare numero trentatré del ventidue febbraio duemila diciotto l’INPS ha introdotto delle novità per i caregivers ad esempio, potranno accedere ai benefici della legge centoquattro anche i parenti di secondo grado.

Per poter beneficiare della pensione anticipata il carergiver deve presentare il verbale della commissione medica dell’INPS che ha accertato la disabilità.

Allo stesso modo, se la disabilità è stata decretata mediante una sentenza giudiziaria dovrà essere allegato il decreto della sentenza.

 


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





2 Commenti

  1. buongiorno sono MARA CARATOZZOLO ASSISTO MIO PADRE 83 ANNI CARATOZZOLO PIETRO
    NON SO COME E DOVE FARE RICHIESTA PER CAR GIVER BONUS 1900EURO

    SONO DISOCCUPATA IN QUANTO ERO ASSUNTA A TEMPO DETERMINATO DOPO DI CHE NON MI HANNO RINNOVATO IN QUANTO IMPOSSIBILITATA A PRESENZIARE SUL POSTO DI LAVORO
    REDDITO ANNUO ISEE 14.800,00 €

  2. BUONGIORNO ASSISTO I MIEI GENITORI ANZIANI UNO 92 E MIA MADRE 85 LAVORAVO NEL PRIVATO MA HO DOVUTO ABBANDONARE, MIO PADRE HA ALZAIMER E DOPO MILLE PERIPEZIE A FEBBRAIO 2020 L’INPS HA RICONOSCIUTO L’ACCOMPAGNO MENTRE A MIA MADRE PER LA TERZA VOLTA VIENE DATO INVALIDITA’ AL 10X10 MA SENZA ASSEGNO, FATTO RICORSO PERSO MIO PADRE NON DEAMBULA MIA MADRE POCHISSIMO HO DELLE POSSIBILITA’ CON IL VERBALE DI RIFARE LA DOMANDA PER POTER METTERE UNA BADANTE.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.