Caregiver familiare che cos’è e quali sono le sue mansioni



Caregiver familiare che cos’è e quali sono le sue mansioni




Il termine caregiver  è un anglicismo traducibile in italiano come “colui che si prende cura di un familiare”.
Ad avere maggiore bisogno di assistenza sono le persone che non riescono a provvedere autonomamente ai propri bisogni, facciamo qui riferimento ai disabili, agli anziani, a chi soffre di una patologia psichica invalidante, a chi ha una patologia grave.

In Italia a prendersi cura di un familiare sono soprattutto le donne.
Una segregazione di genere, dunque, in cui al genere femminile è sono attribuiti compiti (spesso gravosi) di cura da svolgere a titolo gratuito e in modo non professionalizzante.
Secondo i dati ISTAT In Italia più del trenta per cento delle donne che si prendono cura di un familiare che necessita di assistenza ha meno di quarant’anni.
Circa il trentotto per cento ha un’età compresa tra i quarantasei e i sessanta anni di età e circa il tredici percento oltre i settant’anni.

In Italia la figura del caregiver familiare è riconosciuta?

L’Italia pur essendo un paese industrializzato con un’alta aspettativa di vita, e quindi con un numero di anziani e disabili che richiedono assistenza costante maggiore rispetto ai paesi europei non industrializzati, non riconosce giuridicamente chi si prende cura di queste persone, se non in casi “eccezionali” non esistono tutele.
Quello di chi si prende cura spesso è un lavoro informale, quindi un lavoro che non produce reddito;
ciononostante è un lavoro che fa risparmiare soldi alle famiglie e alla società in generale.

Chi sono le persone assistite?

Per lo più anziani, spesso si tratta di assistenza a lungo termine e costante nell’arco della giornata.
Comprendiamo dunque che per chi ha il compito di assistere si tratta di un lavoro gravoso che comporta dei rischi di “sovraccarico” con conseguenze importanti sia a livello individuale sia familiare.