Flat tax quali saranno i nuovi massimali



Flat tax quali saranno i nuovi massimali




La discussione politica sulla flat tax prosegue ininterrottamente ormai da diversi mesi. Il governo ha approvato nei giorni scorsi la flat tax 2019 che riguarda esclusivamente i liberi professionisti e i possessori di partita Iva.

Ovviamente per poter usufruire delle agevolazioni flat tax previste bisogna rientrare in determinati parametri.

Il primo e più importante è quello relativo al reddito annuale che non deve superare i 65mila euro. E’ questo il tetto massimo per il quale è possibile fare richiesta flat tax.

Flat tax chi rientra nella tassazione

A chi rientra in questa fascia dal 1° gennaio del 2019 verrà esteso il cosiddetto regime dei minimi, finora riservato a chi guadagna fino a 30mila euro, e quindi si potrà usufruire delle agevolazioni flat tax che prevede un’aliquota forfettaria del 15% sui propri introiti.




Saltata per il momento l’estensione dello stesso regime anche alle partite Iva con redditi fino a 100mila euro, con aliquota che in questo caso sarebbe salita al 20%.

I costi per le casse dello stato saranno di mezzo miliardo il primo anno, di 1,7 miliardi per il 2020 e 1,2 miliardi per il 2021.

Semplificando i conti le agevolazioni flat tax, ad esempio, per un professionista con un reddito di 60mila euro potrebbe arrivare a pagare 6 mila euro di tasse in meno.

Ovviamente il provvedimento della flat tax è di più ampio respiro e come detto nei prossimi anni riguarderà non solo i liberi professionisti ma anche le famiglie.

Quest’ultima sarà introdotta in maniera graduale. La flat tax potrebbe riguardare i redditi di famiglie e pensionati e consisterà nel passaggio dalle cinque aliquote attuali subito a tre e poi a due dal 2021 e pace fiscale con tetto a 100 mila euro.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.